Istantanee

John Fryer : sono omosessuale e psichiatra

Negli anni ’70, l’omosessualità era classificata come un disturbo mentale. Ma nel 1972 la dissertazione di un giovane medico al convegno dell’American Psychiatric Association di quell’anno segnerebbe un prima e un dopo nella declassificazione della diversità sessuale come “malattia” e segnerebbe l’inizio del riconoscimento dei diritti alla comunità LGBTIQ.

John Fryer era un uomo enorme per dimensioni e reputazione. In un discorso, descritto dagli attivisti gay come “momento spartiacque” nella storia della liberazione gay, Fryer si è rivolto alla convention del 1972 dell’American Psychiatric Association a Dallas, in Texas,  ha sbalordito il pubblico.

Presentato nella stanza come il dottor Henry Anonymous, con indosso una parrucca e uno smoking di tre taglie in più, e parlando attraverso un microfono che distorceva la sua voce, il dottor John Fryer era in piedi di fronte a una folla di psichiatri alla loro riunione annuale indossando un vistoso Maschera di Richard M. Nixon che lui e il suo amante avevano modificato.

Era il 1972 e si mascherava per dire le seguenti parole: “Sono omosessuale. Sono uno psichiatra”.

Quelle furono le prime parole di un breve discorso pronunciato da una figura di nome Dr. H. Anonymous che avrebbe messo in moto un enorme cambiamento epocale per le persone considerate dall’APA – e dalla maggior parte degli americani – come malati di mente nel migliore dei casi, pericoli per la società nel peggiore dei casi .

Con quel discorso, e nel giro di pochi anni, gay e lesbiche avrebbero potuto cogliere opportunità che erano state loro negate sulla base esclusivamente di affermazioni mediche senza merito. E che erano già state smascherate ma ignorate 20 anni prima. E pochissime persone prima di allora avrebbero saputo chi fosse l’uomo con la maschera.  Prima che si dichiarasse pulito alla convention dell’APA di quell’anno a Filadelfia. Quell’uomo era il dottor John Fryer.

Sono trascorsi 50 anni dal discorso di John Fryer, un momento fondamentale per rimuovere l’omosessualità dall’elenco dei disturbi mentali. Il cui impatto ha contribuito alla progressione dei diritti LGBTQ nei decenni successivi.

Malcolm Lazin, direttore esecutivo dell’Equality Forum, che da tempo sostiene la borsa di studio e il riconoscimento del lavoro di John Fryer, ha affermato:

La testimonianza di Fryer del 2 maggio 1972 ha, se non altro, lo stesso significato di Stonewall . Entrambi sono momenti estremamente importanti in termini di diritti civili LGBT.

Rimuovere la classificazione dell’omosessualità come malattia mentale era stata una missione degli attivisti gay. Almeno dalla metà degli anni ’60. L’omosessualità è stata classificata per la prima volta come disturbo nel 1952, quando venne pubblicata la prima edizione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali. (Comunemente noto come DSM, la Bibbia del campo psichiatrico e il libro da cui si riconoscono tutte le diagnosi).

La classificazione significava che le persone potevano essere istituzionalizzate contro la loro volontà, licenziate dal lavoro, un mutuo negato

o i propri diritti  limitati. Il desiderio omosessuale era considerato un’afflizione e le “cure” accettabili includevano trattamenti come la castrazione chimica, la terapia elettroconvulsiva e la lobotomia.

Quel discorso, pronunciato a un pubblico abbastanza ristretto – psichiatri gay chiusi e loro colleghi etero – fu il fulcro di una serie di azioni contro l’APA. Da parte di altri attivisti dell’epoca.




I defunti attivisti Barbara Gittings e Frank Kameny avevano organizzato proteste pubbliche negli anni ’60 chiedendo la parità di trattamento degli omosessuali. Ma avevano riconosciuto che poco sarebbe cambiato finché gay e lesbiche fossero trattati come malati di mente. Come descritto all’epoca nel Diagnostic dell’APA e Manuale Statistico dei Disturbi Mentali.  O DSM. Nel 1973, l’anno successivo al discorso di John Fryer, il consiglio di amministrazione dell’American Psychiatric Association votò per rimuovere l’omosessualità dalla sua lista di malattie mentali.

Drammatizzando le vite nascoste delle persone gay in un’epoca in cui il manuale diagnostico dell’APA elencava ancora l’omosessualità come un disturbo mentale, l’immagine in molti modi è diventata più grande dell’uomo stesso.

L’apparizione di Fryer all’incontro ha innescato un movimento all’interno dell’APA che si tradurrebbe nella rimozione dell’omosessualità da parte degli amministratori dell’APA dal DSM , ed è considerata una pietra miliare nel più ampio movimento per i diritti dei gay.

 

Felicia Bruscino

Stampa questo articolo

Felicia Bruscino

Leave a Comment

Recent Posts

Psichiatria punitiva: un’arma contro il dissenso

Dall'URSS al fascismo, fino ai giorni nostri. Una delle armi più utilizzate contro giornalisti, attivisti e dissidenti è la psichiatria…

14 ore ago

“Gli onorevoli” e i partiti all’italiana

Gli onorevoli deputati al dovere (del partito?) Un famoso proverbio recita: "chi non muore si rivede". In politica, invece, non…

2 giorni ago

Catherine Fletcher svela il volto più oscuro del Rinascimento

Appena pubblicato da Garzanti nella traduzione di Albertine Cerutti, Il libro nero del Rinascimento è per chi ama il fascino…

4 giorni ago

Luigi Pirandello oggi

Tornare sugli spunti tracciati da Luigi Pirandello si rivela ancora oggi un’occasione di ricerca e profondo arricchimento. Attraversare la viva…

4 giorni ago

Non truccarsi : le ragioni e percezioni

Quella di non truccarsi è una scelta che dovrebbe essere completamente libera, ma in realtà è spesso condizionata da altri…

4 giorni ago

Mario Serpa: morte di un ergastolano perbene

Di Carmelo Musumeci L'altro ieri mi è arrivata la triste notizia che nel cimitero degli elefanti del carcere di Parma,…

4 giorni ago