Il ritorno di Jules e Jim a marzo: storia di un restauro

Fonte: cinetecadibologna.it
0

Il mitico film di Truffaut Jules e Jim (1962) ritorna il 4 marzo grazie alla Cineteca di Bologna. Per i cinefili e appassionati la notizia è felicissima e di certo è motivo di orgoglio per la Cineteca che con il progetto “Cinema Ritrovato” sta riportando in sala lavori grandiosi dell’epoca d’oro del cinema.

Nella programmazione della Cineteca il film uscirà dopo Ladri di Biciclette, programmato per febbraio e che pertanto ci pone in successione temporale e stilistica tra una pietra miliare del neorealismo e una della Nouvelle Vague.

Truffaut non soltanto era uno dei volti principiali di questa corrente nata in seno ai Cahiers du Cinéma ma era anche quello con più tensioni letterarie. Godard puntava ad esplorare il linguaggio cinematografico in senso tecnico, Chabrol a coniugare l’asciuttezza stilistica con i thriller da camera, Rivette si lanciava in ricerche personali per allenare i tempi filmici e Louis Malle sfoggiava con uno stile elegantissimo la sua ironia nei confronti del mondo borghese.

Si trattava non tanto di distruggere il cinéma de papa quanto di trasformarlo in termini moderni: anche la Nouvelle Vague finì per creare i suoi divismi. Fatto sta che soprattutto Truffaut riuscì a fare breccia nel cuore del pubblico internazionale e buona parte della sua fama la si deve a Jules e Jim.




Girato a basso costo, il film partiva dal romanzo omonimo di Henri-Pierre Roché. Un’autobiografia non così tanto trasfigurata ma resa con uno stile dolcissimo, scevro di compiacimenti, chiaro. In senso cromatico, Truffaut puntò proprio a rendere l’atmosfera dello stile con un bianconero d’epoca, fresco, morbido, aiutato da Raoul Coutard, suo direttore della fotografia.

Le riprese furono felici, come molto spesso ricordato anche da Jeanne Moreau (1927-2017) che con questo ruolo divenne una diva internazionale, attraendo registi come Welles e Losey subito dopo. Celebre l’omaggio che Visconti le diede alla premiére romana baciandole la mano, simboleggiando il rispetto che il cinema italiano ed europeo portava a quella che, con Anna Magnani, era la più grande attrice del mondo.

Il frutto del lavoro di questa grande attrice e di Truffaut si potrà rivedere smagliante sul grande schermo in primavera per attrarre nuovi cinefili di più giovani generazioni.

Antonio Canzoniere

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi