Khmer Rossi: brutalità e sterminio nella Cambogia

Uno dei periodi più bui della storia moderna ha avuto luogo in Cambogia tra il 1975 e il 1979, quando il regime dei Khmer Rossi guidato da Pol Pot governò la Cambogia.

0

Durante il regno dei Khmer Rossi, dal 1975 al 1979, circa 1,7-2,5 milioni di cambogiani morirono a causa di esecuzioni, fame o malattie. Questo era quasi un quarto della popolazione del paese allora, in nome di un’ideologia egualitaria trasformatasi in incubo. I campi di sterminio punteggiano il paese della Cambogia, con oltre 20.000 siti di tombe di massa contenenti oltre 1,38 milioni di corpi secondo il Centro di documentazione della Cambogia (DC-Cam).

Il più grande dei campi di sterminio era Choeung Ek, che si trova alla periferia di Phnom Penh e oggi funge da monumento a tutti coloro che sono morti – e sopravvissuti. Serve anche come strumento educativo per garantire che la storia non si ripeta mai.

Khmer Rosso-anni-di-brutalità-e-sterminio-nella-CambogiaSono passati più di quarant’anni da allora, gli orrori che ha sopportato il popolo per mano dei Khmer Rossi. Quando la capitale Phnom Penh venne occupata il 17 aprile del 1975, il partito comunista diede ufficialmente inizio al temporaneo Stato della Kampuchea Democratica.

Negli anni che seguirono il regime introdusse una pulizia etnica sistematica che costò la vita a un numero considerevole di uomini. La storiografia ha constatato che sono stati uccisi  da un milione e mezzo a i tre milioni di cambogiani. Per le proporzioni del fenomeno e l’impatto sulla popolazione totale, lo sterminio in questione può essere considerato come un caso unico e senza precedenti nella storia dell’umanità.

Precursori del genocidio: aumento dei Khmer Rossi e Pol Pot

Il partito comunista della Kampuchea, conosciuto informalmente come i Khmer Rossi, era originariamente nato dalla lotta contro la colonizzazione francese e fu influenzato dai vietnamiti. Ffa riferimento alla maggioranza etnica del paese, e rosso come il colore del comunismo. Il movimento fu alimentato dalla prima guerra in Indocina negli anni ’50, trasformandosi in un partito ufficiale nel 1968, cresciuto nei successivi 20 anni.

Negli anni precedenti al regime dei Khmer Rossi, la vicina guerra del Vietnam si riversò in Cambogia. Le truppe Usa usarono la Cambogia come zona di raggruppamento oltre a bombardare parti del paese per distruggere i sospetti obiettivi del Viet Cong. Ponendo così le basi per l’animosità verso l’Occidente.

Nel marzo del 1970, il maresciallo Lon Nol, sostenuto da soci filoamericani, organizzò un colpo di stato di successo per deporre il principe Sihanouk come capo dello stato. I Khmer Rossi, guidati da Pol Pot, si allearono con Sihanouk, preparando il palcoscenico per diventare uno dei principali attori nella guerra civile che seguì.

Con l’aiuto dei vietnamiti, i Khmer Rossi iniziarono a sconfiggere le forze di Lon Nol. La loro crescita fu aiutata dal fatto che il governo della Repubblica Khmer di Lon Nol, con l’aiuto degli Stati Uniti, fece cadere circa mezzo milione di tonnellate di bombe sul paese. Uccidendo fino a 300.000 persone tra gennaio e agosto del 1973, allontanandole ulteriormente dall’ovest.

Trasformare il paese in una repubblica socialista agraria, fondata sui principi del maoismo

Quando il regime dei Khmer Rossi guidato da Pol Pot governò la Cambogia promise la pace del paese dopo anni di guerra civile e campagne segrete di bombardamenti dall’America. Combattute in guerra con il Vietnam. A tal proposito i cambogiani si riversarono nelle strade per accogliere i soldati, durante la caduta di Phnom Penh il 17 aprile 1975.

Tuttavia, la pace promessa non arrivò mai. Lo scopo degli  khmer Rossi era quello di trasformare il paese in una repubblica socialista agraria, fondata sui principi del maoismo.Nel 1976 cambiarono il nome del paese in Kampuchea Democratica.

Khmer Rosso-anni-di-brutalità-e-sterminio-nella-CambogiaPer materializzare i loro intenti, essi svuotarono le città e costrinsero i cambogiani a trasferirsi nei campi di lavoro nelle campagne. Dove avvenne una gran quantità di morti per esecuzioni di massa, lavori forzati, abusi fisici, malnutrizione e malattie. Ciò provocò la morte di circa il 25% della popolazione totale della Cambogia.




Circa 15.000 persone passarono attraverso il centro di tortura di Tuol Sleng , la principale prigione politica. Noto anche come S-21, tra le 196 prigioni gestite dagli khmer rossi, dove sopravvissero soltanto sette adulti. Gli oppositori venivano portati nei Killing Fields, stipati sul retro dei camion. Qui venivano giustiziati spesso con attrezzi contadini come picchetti o asce, per risparmiare proiettili e sepolti in fosse comuni.

Khmer Rosso-anni-di-brutalità-e-sterminio-nella-CambogiaInoltre gli khmer rossi utilizzarono migliaia di giovani ragazzi incattiviti e costretti ad arruolarsi nel pieno della loro adolescenza. Venivano indotti a commettere omicidi di massa e altre atrocità durante e dopo lo sterminio. Il 7 gennaio 1979 l’invasione vietnamita della Cambogia pose fine al genocidio con la sconfitta degli khmer rossi.

Nel 1980, i resti di quasi 9.000 persone furono riesumati dalle fosse comuni che ammassano l’ex frutteto. Molti di questi teschi ora si trovano in uno Stūpa commemorativo creato nel 1988 e costituisce il fulcro del sito, che funge da forte ricordo del passato amaro e per garantire che le vite perse non vengano mai dimenticate.

 L’ideologia Pol Pot

L’ideologia ha avuto un ruolo di primo piano dello sterminio genocidio. Pol Pot e gli khmer rossi puntavano a riportare la Cambogia indietro, al passato dell’Impero khmer, e frenare l’influenza negativa degli aiuti stranieri e della cultura occidentale. Oltre che riportare il paese a una società agraria.

Gli sforzi compiuti per conseguire questi obiettivi furono i fattori chiave che portarono allo sterminio. A tal riguardo, un capo degli Khmer Rossi asserì che le uccisioni erano necessarie per la “purificazione della popolazione.”

Gli Khmer Rossi obbligò quasi tutto il popolo cambogiano a lavorare in gruppi di lavoro mobili. Alcuni affermarono che si trattava di “un esperimento sociale di mobilizzazione unico nelle rivoluzioni del XX secolo”. I Khmer Rossi costrinsero la popolazione a turni estenuanti condizioni di lavoro disumane, a morte per fame, spostamenti coatti, collettivizzazione delle terre e terrore di stato al fine di tenere la popolazione sotto giogo.




Lo storico Ben Kiernan ha confrontato lo sterminio cambogiano con il genocidio armeno, perpetrato dall’Impero ottomano e con l’Olocausto, perpetrato dalla Germania nazista. Pur essendo sostanzialmente diversi, avevano vari tratti comuni. Il razzismo era una componente predominante  delle ideologie di tutti e tre i regimi.

Tutti e tre presero di mira minoranze religiose e cercarono di usare la forza delle armi per espandersi in quello che credevano essere il loro territorio. Rispettivamente l’Impero Khmer, il Turkestan e il Lebensraum. Così come allo stesso modo i tre i regimi “idealizzarono la loro classe contadina come la vera classe ‘nazionale‘. Il substrato etnico su cui il nuovo stato sarebbe cresciuto.

L’inferno rosso di Pol Pot

È difficile immaginare che l’ex-frutteto di longan sia un posto che ospita un tale orrore. Il canto degli uccelli si alza dagli alberi, la dolce brezza si diffonde attraverso i campi ben curati, i fiori sono in fiore, le risaie scintillanti circondano il sito e la vita continua. Tuttavia, non è un frutteto in Cambogia. Infatti, Pol Pot fece convertire un ex-frutteto di longan a circa 15 km a sud di Phnom Penh in un campo di sterminio. Precedentemente incarcerati e torturati all’S-21

Agiva come il principale campo di sterminio dei Khmer Rossi e in ogni passo si possono trovare orribili promemoria. Composto da 129 tombe comuni, 43 sono stati lasciati intatti. I numerosi frammenti ossei, i denti e gli scarti di stoffa insanguinata recuperati siedono in contenitori di vetro che i visitatori possono vedere.




Un tour audio guida i visitatori del sito con storie avvincenti di sopravvissuti, guardie e boia. Una visita ai Killing Fields è straziante, emotiva e drenante. Tuttavia offre uno spaccato convincente di una frazione delle atrocità che hanno avuto luogo in tutto il paese sotto il regime di sterminio.

 

Choeung Ek è stato trasformato in un sito memoriale e attrazione turistica nel tentativo di educare i cambogiani – e il mondo – su quello che è successo. Il 9 maggio di ogni anno, una cerimonia commemorativa si tiene presso i campi di uccisione. In ogni caso, i visitatori sono invitati ad essere rispettosi durante la loro visita e ricordare dove si trovano.

(Fonti immagini, in ordine di visualizzazione: emaze; Michelin Travel; BBC; movieweb; The Killing Fields Museum of Cambodia

 

Felicia Bruscino

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi