La Cina pone fine alla povertà, ma c’è ancora disparità

Nonostante un 2020 irregolare, il governo della Cina afferma di aver eliminato la povertà estrema risollevando oltre 800 contee. Come le manterrà al di sopra della soglia?

Mentre la furiosa pandemia di Covid-19 spinge un numero crescente di persone nella povertà in tutto il mondo, la lotta della Cina offre un barlume di speranza. Difatti, la vastità dei risultati complessivi della Cina in termini di riduzione della povertà è notevole. Il frutto dei suoi sforzi non è privo di effetti sulla riduzione della povertà a livello globale. Ma rappresenta anche un approccio che costituisce un esempio pratico per la comunità internazionale.

La Cina ha infatti, quasi, rispettato l’impegno del presidente Xi Jinping di sradicare la povertà estrema entro il 2020. Più di 800 contee considerate gravemente impoverite poco meno di un decennio fa hanno ora superato una linea definita dal Governo. 4.000 yuan (circa 514,00€) di reddito pro capite annuo. In totale più di 850 milioni di persone sono state sollevate dalla povertà estrema. In meno di quattro decenni.

Nel 2019 le ultime regioni cinesi gravemente colpite dalla povertà erano situate principalmente nel sud della Cina. Nelle zone rurali e montuose delle province di Sichuan, Guizhou, Yunnan e Guangxi. Spesso le popolazioni più povere appartenevano a minoranze etniche. L’esempio del Sichuan è stato presentato sulla stampa cinese e più in particolare nella prefettura di Liangshan.




A novembre, gli ultimi distretti sono stati rimossi dalla lista nazionale. Erano abitati principalmente da Yi, un gruppo etnico cinese. Ma la povertà ha colpito anche regioni, come Hunan o Henan. Popolate quasi esclusivamente da Han. La maggioranza della popolazione cinese. Infine, c’erano aree di povertà nella regione autonoma del Tibet e nello Xinjiang.

Considerando le dimensioni della popolazione cinese, i risultati raggiunti non solo hanno un impatto sostanziale sulla riduzione della miseria nel mondo. Ma rappresentano anche un progresso per il popolo cinese nei diritti umani. Il successo della Cina è un’impresa senza precedenti nella storia umana.

La Cina è stata molto aperta e diretta sui suoi obiettivi e sulle politiche di eliminazione della povertà. Ponendoli tra le sue massime priorità e misurando i progressi rispetto ai parametri di riferimento. Ciò contrasta nettamente con la posizione di molti altri paesi, dove la ‘riduzione della povertà’ è solo una pia aspirazione nascosta in una lunga lista di traguardi e obiettivi.

Obiettivi quantificabili e risultati pratici

La Banca Mondiale ha stimato che la quota della popolazione cinese al di sotto di una soglia di povertà internazionale è scesa dall’88% nel 1981 all’1,9% nel 2013. Rappresentando quasi il 70% della riduzione globale della povertà estrema nel stesso lasso di tempo. La maggiore riduzione della povertà si è verificata all’inizio degli anni ’80. In gran parte a causa dei guadagni di produttività derivanti dall’apertura dell’economia.

Negli anni 2000, la riduzione della povertà è proseguita a un ritmo più lento. Ma è stata aiutata dall’istituzione di una serie di programmi di riduzione della povertà. Inclusi programmi di mobilità del lavoro per i poveri, sussidi alla produzione agricola, investimenti nella sanità e nell’istruzione rurali. Fondi pensione rurali e il programma nazionale di assistenza al reddito dibao . Lanciato nel 2007.

Quando Xi Jinping è salito al potere (2012) ha posto la riduzione della povertà come uno dei suoi principali obiettivi politici. Il partito lo ha definito come un passo verso il raggiungimento di quella che chiama una società “moderatamente prospera“.  Concetto proposto per la prima volta, nel 1979, da Deng Xiaoping.

Quasi il 90% della popolazione cinese, nel 2012, versava in condizioni di estrema povertà. Tenendo conto del programma mondiale delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile, il nuovo segretario generale del PCC aveva promesso che in Cina questa cifra sarebbe scesa a zero entro il 2030. Obiettivo raggiunto con dieci anni di anticipo rispetto alle previsioni.

Affrontare la povertà estrema era diventata ormai una direttiva Nazionale. Fu proposta per la prima volta nel 2014 e poi inserita nel tredicesimo piano quinquennale della Cina. “Precision Poverty Alleviation” è stata la campagna distintiva di Xi Jinping per porre fine alla povertà nella Cina rurale entro il 2020.

Dopo aver costruito un registro nazionale delle famiglie povere, la Cina ha adottato una governance in stile campagna. Per raggiungere l’obiettivo di aumentare i redditi rurali annuali oltre i 4.000 yuan. I governi locali avevano il compito di organizzare iniziative per l’occupazione. Finanziare progetti ambientali e persino reinsediare i residenti rurali.

Il programma ha avuto un grande successo. Ma in conclusione, qualsiasi famiglia rimane vulnerabile alla povertà. Inoltre, l’attuale soglia di povertà rurale unidimensionale bassa non riflette più il significato di povertà nella società cinese. in rapida evoluzione.

L’importanza strategica della “riduzione della povertà”

L’eliminazione della povertà entro la fine di quest’anno è un aspetto chiave dell’obiettivo del PCC. Ovvero costruire quella che viene definita una società moderatamente prospera in vista del centesimo compleanno del partito nel 2021.

La vittoria altamente pubblicizzata della Cina sulla povertà assoluta svolge un importante ruolo di propaganda. Si allinea perfettamente con gli sforzi per presentarsi come un membro responsabile, stabile e potente dell’ordine internazionale. Nel caos globale della pandemia, la Cina ha cercato (non sempre con successo) di sostenere i successi interni nel controllare la pandemia e mantenere la crescita economica. In mezzo a una recessione globale ha rivendicato il suo sistema politico come alternativa ai modelli di sviluppo e governance occidentali.

Ancora più importante, il progetto di riduzione della povertà è strettamente legato alla legittimità del PCC di governare. E in particolare alla leadership di Xi Jinping. La fondazione rivoluzionaria del PCC e la successiva leadership della Cina si basano su un impegno per la giustizia sociale.

I ruoli cruciali della leadership statale nell’economia, la proprietà pubblica e il controllo dei settori chiave, un massiccio programma di infrastrutture. In particolare nei settori dell’istruzione e tecnologie.

Così come nei trasporti e nelle comunicazioni, nella costruzione del benessere e nella determinazione politica del governo cinese e del PCC al potere. Per stabilire e raggiungere obiettivi specifici aiutando milioni di persone. Sono stati i fattori chiave per il successo.

L’assistenza diretta fornita dalle parti più ricche della Cina alle aree interne più povere è in realtà una forma di ‘gemellaggio’. Che ha agito nel reciproco interesse di entrambi i partner. Approccio avviato, seguito e integrato anche da programmi centrali e locali. Programmi di sviluppo economico, sociale e culturale.

Forse la lezione che può essere appresa e applicata – con l’adattamento alle condizioni nazionali. – da altri paesi. È proprio l’integrazione di questi fattori.

La riduzione della povertà estrema non elimina definitivamente il problema

Nonostante il rapido sviluppo economico della Cina negli ultimi decenni, un gran numero di persone vive ancora in povertà. Soprattutto nelle regioni interne del paese. Dove le risorse educative sono ridotte. E le opportunità sono minori rispetto alle province costiere più prospere della Cina.

Per raggiungere l’ambizioso obiettivo di riduzione della povertà, le autorità hanno lanciato ampie campagne per innalzare gli standard di vita locali. Ora che la Cina ha raggiunto il suo obiettivo – almeno secondo gli standard prescritti dal governo – la prossima fase sarà quella di far rivivere le campagne. E garantire che i guadagni duramente conquistati negli ultimi decenni siano sostenibili.

Tecnicamente, sono state ‘elevate’ con successo tutte le contee impoverite. Ma quanto è sostenibile il risultato? Può resistere alla prova (del tempo) e ai rischi di mercato? I piccoli agricoltori possono resistere all’imprevedibilità di malattie o incidenti?

Il governo non può semplicemente deporre il problema subito dopo averlo risolto. Per continuare a migliorare la vita è necessario un meccanismo continuo. È necessario istituire un sistema di monitoraggio per impedire che la popolazione ricada in povertà. Gli individui e le famiglie che si trovano in situazioni più vulnerabili e in aree marginali sono i principali obiettivi da monitorare.

Dopo tutto, la “povertà” è un concetto relativo. Pertanto, poiché la povertà estrema è ora considerata ufficialmente eliminata potrebbe espandersi gradualmente. La disuguaglianza di reddito è al centro della povertà relativa. Non è possibile sradicare la povertà relativa. L’obiettivo finale del lavoro dovrebbe essere quello di continuare a ridurre il divario sociale tra poveri e non poveri. E raggiungere, così un relativo equilibrio.

 

 

Felicia Bruscino

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *