La giustizia europea rovescia gli accordi di pesca tra UE e Marocco

La sentenza, di non immediata applicazione, apre una nuova fase di incertezza nei convulsi rapporti bilaterali e accoglie i ricorsi presentati dal Fronte Polisario avverso

Il Tribunale dell’Unione europea (TGUE) ha ribaltato gli accordi di pesca e agricoltura tra UE e Marocco. L’accordo di pesca tra l’UE e il Marocco, chiuso in extremis alla fine del 2018, includeva le zone di pesca del Sahara occidentale. Territorio sul quale il regime alawita rivendica una sovranità che né l’ONU né la stessa UE riconoscono ufficialmente.

Quell’accordo è stato denunciato dal Fronte Polisario davanti alla giustizia europea che, ancor prima della sua chiusura, aveva già dato ragione al ‘movimento di liberazione nazionale del Sahara’. Costringendo che ogni impegno al riguardo tenesse conto del parere del popolo sahariano.

Il Tribunale del Lussemburgo si è pronunciato ancora una volta a favore degli interessi di quella che fu l’ultima colonia spagnola. E, quindi, contro Rabat. Il che potrebbe riaccendere le tensioni tra il Marocco e l’Unione. E addirittura mettere in scacco l’attuale distensione in le relazioni tra Spagna e Marocco, che hanno raggiunto un punto critico con la crisi migratoria a Ceuta.

Nonostante la sentenza annulli i patti dopo aver valutato i ricorsi presentati dal Fronte Polisario, ne consente l’applicazione per un certo periodo di tempo. In modo da  preservare l’azione estera dell’Unione e la sicurezza giuridica dei suoi impegni internazionali .

La sentenza accoglie il ricorso alla Corte di giustizia europea, il massimo grado dell’istituzione, entro il termine di due mesi e dieci giorni.

Le reazioni non si sono fatte attendere. In una dichiarazione congiunta, il Marocco e l’UE hanno riaffermato le loro relazioni bilaterali, promettendo di “mobilirsi pienamente per continuare la cooperazione”, sempre in “un clima di serenità e impegno, al fine di consolidare il partenariato euro-marocchino” avviato nel giugno 2019.

Inoltre, il Marocco ha criticato la decisione, considerando che si tratta di una questione “politica” e che i contenuti dell’accordo non sono stati studiati. Fonti del ministero degli Esteri hanno dichiarato a Efe: “Non siamo sorpresi, non è la prima volta, l’abbiamo già visto allo stesso modo. È piuttosto una guerra politica con un travestimento legale“.

Già nel dicembre 2015 la Corte Europea ha stabilito che gli accordi tra Bruxelles e Rabat non possono includere il Sahara Occidentale in quanto considerato territorio non autonomo in attesa di decolonizzazione. La sentenza ha provocato una crisi diplomatica tra Ue e Marocco, che nel febbraio 2016 ha posto fine ai contatti con le istituzioni europee . La sentenza della Giustizia Europea è stata ratificata alla fine del 2016.

A seguito della decisione del tribunale, le parti hanno iniziato a lavorare per raggiungere un nuovo patto. Tuttavia, il Fronte Polisario si è nuovamente appellato ai tribunali europei per l’annullamento, poiché difende che questo accordo implica il riconoscimento della sovranità del Marocco sul Sahara occidentale .

In questo contesto, il Fronte Polisario ha ritenuto che questa nuova sentenza del tribunale è “una vittoria trionfante per il popolo saharawi davanti alla giustizia europea”.

La Corte annulla i nuovi accordi Ue-Marocco perché sono stati imposti illegalmente al popolo saharawi, contro il loro consenso.

Il movimento saharawi invita i leader europei a rispettare le sentenze della Corte del Lussemburgo. La sentenza del tribunale del 2016 è stata molto chiara, ma la Commissione europea ha scelto di impugnare le decisioni dei propri tribunali. Come sostiene Oubi Buchraya. Membro del Segretariato nazionale del Fronte Polisario e suo rappresentante per l’Europa e l’Unione europea.

Attraverso le sue sentenze, la Corte ricorda ai leader europei che nessuno è al di sopra della legge. Il rispetto dello stato di diritto e del diritto internazionale è fondamentale per tutti perché costituisce una condizione necessaria per la pace nel mondo.

Analiticamente, la sentenza riafferma lo statuto distinto e separato del territorio e la necessità di garantire il consenso della sua popolazione. Cosa in cui -secondo la visione della Corte- la Commissione europea ha fallito.

La decisione della Corte di giustizia europea è un momento importante per riaffermare le posizioni giuridiche dell’UE sul Sahara occidentale come territorio separato e distinto dal Marocco. Come la corte ha dimostrato ancora una volta, un conflitto irrisolto continuerà a incidere sugli interessi europei. L’UE deve ora allineare le sue relazioni commerciali e gli sforzi diplomatici con le sue posizioni legali, al fine di promuovere il diritto del popolo saharawi alla libertà e all’autodeterminazione.

 

Impatto economico

La Commissione Europea , firmataria dell’accordo a nome di Bruxelles, ha difeso davanti alla Corte che l’accordo sulle preferenze tariffarie agricole e di pesca con il Marocco va a vantaggio della popolazione locale. Quindi l’impatto sul Sahara occidentale è non solo positivo, ma genererà un forte impulso nell’economia dell’ex colonia spagnola. Contribuirà a sviluppare l’occupazione locale attraverso condizioni di investimento favorevoli.

Il Servizio europeo per l’azione esterna (SEAE) sostiene di aver svolto ampie consultazioni sul territorio. Secondo le quali la maggioranza degli attori socio-economici e politici, che vi hanno partecipato, era favorevole. Sia all’accordo di pesca che sull’estensione dei vantaggi tariffari per i prodotti Saharawi.




Da parte sua, tra gli argomenti dell’organizzazione indipendentista saharawi contro il patto, è stato sottolineato che l’UE e il Marocco non hanno i poteri per negoziare accordi internazionali. Applicabili al Sahara occidentale per conto della popolazione locale. È stato inoltre segnalato al Lussemburgo che gli accordi sull’agricoltura e sulla pesca violano il diritto del popolo saharawi di disporre liberamente delle proprie risorse naturali. E organizzano, senza il loro consenso, l’esportazione dei loro prodotti nell’UE e lo sfruttamento dei loro risorse ittiche da parte delle navi europee.

La sentenza arriva in un contesto in cui il conflitto armato nel Sahara Occidentale è stato riattivato, seppur a bassa intensità, dopo che a fine 2020 era saltato il cessate il fuoco del 1991. Poi è arrivato il riconoscimento unilaterale da parte dell’allora presidente Usa Donald Trump. Il regno alawita fu poi coinvolto in crisi diplomatiche con Spagna e Germania, oggi in via di pacificazione. Intanto, continuano gli sforzi del segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, di nominare – dopo due anni e mezzo – un inviato speciale per il Sahara occidentale per riprendere i negoziati tra le parti.

La decisione giudiziaria di questo mercoledì, oltre a provocare nuovi attriti diplomatici, ha un impatto sull’economia dei paesi membri. In particolare Spagna e Marocco. La Spagna è il paese che trarrebbe i maggiori benefici dagli accordi di pesca. Secondo i dati raccolti da Europa Press, il 91% delle catture comprese nell’accordo di pesca con il Marocco proviene dalle acque sahrawi .

Per il diritto di accesso a queste acque l’Ue paga al Marocco una media annua di 52 milioni di euro ciascuno dei quattro anni dell’accordo. Di cui circa 12 milioni a carico degli armatori europei.

In cambio di questo pedaggio, 128 navi europee operano nelle acque marocchine e in quelle del Sahara occidentale, di cui 92 spagnole. Nello specifico, 22 pescherecci pelagici artigianali spagnoli con reti a circuizione al nord, 25 pescherecci con palangari di fondo anche al nord, dieci pescherecci artigianali.

 

Felicia Bruscino 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *