La luna è inabissata nell’atmosfera terrestre

Gli scienziati hanno esaminato i dati di 20 anni fa per raggiungere una nuova sorprendente conclusione.

(Osservatorio terrestre della NASA)
0
Le osservazioni fatte dall’astronave SOHO oltre 20 anni fa portano a una nuova scoperta:
  • La Terra ha un involucro di idrogeno come parte della sua atmosfera esterna chiamata geo-corona .
  • Lo studio rivela che la geo-corona si estende ben oltre la luna.

Siamo più legati alla luna di quanto ci siamo resi conto. Si scopre che la parte esterna dell’atmosfera terrestre si estende considerevolmente oltre l’orbita lunare. Infatti, arriva fino al doppio della distanza dalla Luna. Questa scoperta è il risultato di osservazioni di SOHO – Solar and Heliospheric Observatory -, una navicella lanciata nel 1995 per studiare il sole, gestita dalla European Space Agency (ESA) e dalla NASA.




Le misurazioni (prese più di 20 anni fa da SOHO) hanno rivelato un nuovo aspetto in un nuovo studio, che ha portato a conclusioni notevoli. Quello che i dati hanno mostrato è che la geo-corona, una busta di idrogeno che avvolge il nostro pianeta, si estende fino a 630.000 km (391.464 miglia) da esso. 50 volte il diametro della Terra.

Una distanza senza precedenti che supera di gran lunga i recenti risultati e che comprende l’orbita della Luna. Igor Baliukin dell’Istituto di ricerca spaziale della Russia, principale autore dello studio sull’argomento, ha spiegato che: “la Luna vola attraverso l’atmosfera della Terra“.

La geo-corona appare dove l’atmosfera del pianeta entra in contatto con lo spazio esterno. È essenzialmente una nuvola di atomi di idrogeno. Tra il 1996 e il 1998, SWAN , uno strumento a bordo della sonda spaziale SOHO, è stato in grado di utilizzare i suoi sensori per seguire le firme dell’idrogeno, individuando così i bordi della geo-corona.

La-luna-è-inabissata-nella-atmosfera-terrestre
La geo-corona della Terra vista dalla Luna. Immagine all’ultra-violetto scattata nel 1972, con una camera operata dagli astronauti dell’Apollo 16 sulla Luna. Copyright NASA

Jean-Loup Bertaux, tra gli altri autori, spiega: “La scoperta è particolarmente interessante se pensiamo anche a pianeti con riserve potenziali di acqua al di là del Sistema Solare”.  Un’immagine catturata nel 1972, dagli astronauti dell’Apollo 16, mostra la geo-corona che avvolge la Terra. “Allora gli astronauti, sulla superficie lunare, non potevano sapere di essere loro stessi avvolti nelle regioni esterne della geo-corona”, aggiunge Jean-Loup Bertaux.

Related Posts
Come si forma? 

Il Sole interagisce con gli atomi di idrogeno per mezzo della linea Lyman-alfa  (una particolare lunghezza d’onda della luce ultravioletta) che gli atomi possono sia assorbire che emettere. Dato che questo tipo di luce viene assimilata dall’atmosfera terrestre, è possibile osservarla soltanto dallo spazio.

Il nuovo studio (approvato per essere pubblicato sulla rivista Journal of Geophysical Research: Space Physics) rivela che la luce del sole comprime gli atomi di idrogeno nella geo-corona sul lato diurno, producendo una regione di maggiore densità sul lato notturno.

Sul lato della Terra, gli atomi di idrogeno sono compressi dalla luce del sole, con una densità di 70 atomi per centimetro cubico, che si assottigliano a 0,2 atomi all’orbita lunare (che non è molto denso – è ancora efficacemente un vuoto). (Osservatorio terrestre della NASA)Sul lato notturno, la densità dell’idrogeno è più elevata a causa della pressione della radiazione solare – in un certo senso finisce con l’apparire di una coda di cometa.

Alla geo-corona viene anche collegata una radiazione ultravioletta, giacché gli atomi di idrogeno diffondono luce solare in tutte le direzioni. Tuttavia l’effetto su astronauti in orbita lunare dovrebbe essere irrisorio, rispetto alla sorgente principale di radiazione, il Sole.




“I dati archiviati molti anni fa possono spesso essere sfruttati per la nuova scienza”, afferma Bernhard Fleck, scienziato del progetto SOHO dell’ESA. “Questa scoperta mette in evidenza il valore dei dati raccolti oltre 20 anni fa e l’eccezionale performance di SOHO.”

Oltre a essere trasformativi nel comprendere la nostra stessa atmosfera, la scoperta può essere utile nella ricerca di pianeti con acqua oltre il nostro Sistema Solare. Rilevare la presenza di idrogeno nelle loro atmosfere esterne può significare la presenza di vapore acqueo vicino alla superficie.

 

Felicia Bruscino

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi