La ministra Lamorgese aumenta i fondi per l’accoglienza che Salvini aveva tagliato

Lo aveva annunciato. Ora è realtà.

La ministra Lamorgese aumenta i fondi per l’accoglienza che Salvini aveva tagliato da 35 euro fino a un minimo di 19 euro facendo calare la mannaia su centinaia di centri e servizi di accoglienza.

Oggi, con una circolare inviata ai prefetti, il Viminale aumenterà in medi dai 2 ai 4 euro la quota complessiva per ogni migrante. Una piccola cifra ma che farà ripartire i bandi, permetterà alle associazioni di tornare a poter lavorare e investire nell’accoglienza, nella solidarietà, nell’integrazione, nell’inclusione sociale. Un piccolo ritorno alla civiltà, che chiude – almeno in parte – una stagione bestiale.

“Salvini aveva lasciato la macchina senza benzina, in questo modo l’abbiamo rimessa in moto nell’interesse di tutti” ha spiegato il viceministro degli Interni Massimo Mauri.

Non rassegniamoci mai a chi ci dice che sono tutti uguali. Che nulla è cambiato. No, non sono tutti uguali. C’è chi fa propaganda sulla pelle degli ultimi e chi faticosamente, tra mille difficoltà, prova a cambiare le cose.

Una persona seria. Una donna delle istituzioni. Tutto qui.

 

Lorenzo Tosa


Informazione “di parte”, nell’intento di dar voce soprattutto a chi non né ha: gli ultimi, i deboli, gli emarginati. Di stampo apartitico, si schiera piuttosto dalla parte dei diritti, di chi lotta per essere riconosciuto, dalla parte dell’essere umano e dell’essere umani: per questo temi particolarmente cari sono la discriminazione razziale, sessuale e religiosa, i movimenti della classe operaia, lo sviluppo integrale delle persone appartenenti alle fasce più vulnerabili della popolazione come disabili, anziani e minori. Aiutaci a fare tutto questo, basta anche un caffè! La donazione ti darà la possibilità di entrare a far parte del nostro forum. Scrivici per sapere come.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *