La persistenza delle scimmie somiglia alla nostra: testardaggine genetica

Lo studio sulla persistenza delle scimmie é stato pubblicato su Scientific Reports – a Nature Research journal.




Arrendersi mai

La persistenza delle scimmie sarebbe simile alla nostra. Certo, se pensiamo alla testardaggine degli esseri umani, non c’è realmente da stupirsi. Gli esseri umani sono riluttanti per genetica all’idea di abbandonare qualcosa in cui hanno investito tempo, risorse ed energie. Questi “costi irrecuperabili” sono ben noti alle scimmie cappuccine e ai macachi rhesus, come dimostra lo studio della Georgia State University. Scimmie e Sapiens attuano questo comportamento anche quando il risultato è dubbio o addirittura vicino al fallimento. Ma perché tendiamo a persistere anche quando é futile? Perchè tra esseri umani e scimmie “un capitano affonda con la sua nave”?

Testardi come scimmie

Persistenza delle scimmie: Macaco Rhesus
Persistenza delle scimmie: Macaco Rhesus (credits: Md. Tareq Aziz Touhid Under CC4.0)

I ricercatori della Georgia pensano a due fattori primari per il comportamento nelle scimmie e negli umani. In primo luogo, potremmo avere un meccanismo profondo e evolutivamente antico che ci aiuta a bilanciare costi e benefici complessivi. In secondo luogo, potrebbe essere influenzato dall’incertezza sul risultato (non si sa mai, magari funziona, quindi perché non continuare a provare?). Julia Watzek e Sarah F. Brosnan della Georgia, hanno dimostrato che sia le scimmie cappuccine che i macachi rhesus sono suscettibili allo stesso comportamento e che si verifica più spesso quando le scimmie sono incerte sull’esito. Le scimmie sono ospiti al Centro di ricerca linguistica dell’università, dove hanno a disposizione aree interne ed esterne in cui vivere e giocare. “Partecipano a ricerche cognitive e comportamentali del tutto volontarie e non invasive” ha detto Brosnan, . In effetti, lavora con alcune di queste scimmie da oltre vent’anni. “Sono come la mia seconda serie di bambini”, ha detto.

Studiare la persistenza

Persistenza delle scimmie: cover (credits: David M. Jensen under CC3.0)
Persistenza delle scimmie: Una scimmia cappuccina in paziente attesa (credits: David M. Jensen under CC3.0)

I ricercatori hanno testato la persistenza delle scimmie con uno studio molto semplice. Nello studio, 26 scimmie cappuccine e 7 macachi rhesus hanno avuto modo di giocare a un semplice videogioco in cui azionavano un joystick e dovevano spostare un cursore su un bersaglio in movimento e tenerlo lì mentre il bersaglio continuava a muoversi. Se un primate aveva successo, sentiva un “urlo” a indicare lo svolgimento corretto e otteneva un premio. Se il cursore perdeva il contatto con il bersaglio in movimento, non riceveva una ricompensa e iniziava un nuovo round. Dopo essere stati addestrati, l’esperimento li ha testati su round di 1, 3 o 7 secondi. “Le scimmie hanno tempi di reazione molto rapidi su questi giochi”, ha detto Brosnan, “quindi un secondo per loro è in realtà molto tempo”.

Un secondo dopo

Persistenza delle scimmie: Scimmia Cappuccina
Persistenza delle scimmie: Scimmia Cappuccina

In effetti, Watzek ha detto: “La maggior parte dei round durava solo 1 secondo. Quindi, se dopo non si riceveva una ricompensa, in realtà era meglio smettere e iniziare un nuovo round. Probabilmente capivano di ottenere una ricompensa in meno tempo rispetto al continuare. ” I ricercatori hanno scoperto che entrambe le specie di scimmie mostrano il comportamento dei costi irrecuperabili. “Sono persistiti da 5 a 7 volte più a lungo di quanto fosse ottimale”, ha detto Brosnan, “e più a lungo avevano già provato, più era probabile che completassero l’intera attività”. L’incertezza ha giocato un ruolo importante, perché quando le scimmie hanno ricevuto un segnale riguarda la necessità di lavoro aggiuntivo risultavano meno suscettibili ai costi sommersi. Lo studio di questo fenomeno negli animali “ci insegna qualcosa su come funzionano le loro menti, oltre che la nostra”, ha detto Watzek.

Testardi per natura e convenienza

“Questo è importante per diversi motivi” ha detto Brosnan. Infatti, suggerisce che questo comportamento è probabilmente guidato dall’evoluzione e profondamente radicato tra le specie. “L’epitome del costo irrecuperabile è che ho investito così tanto in questo che ho intenzione di andare avanti”, ha detto Brosnan. E potrebbero esserci dei vantaggi. “A volte, devi avere pazienza”, ha detto. Questo aiuta quando cerchi cibo, cacci prede, aspetti che le uova si schiudano, cerchi un compagno o costruisci un nido o un recinto. Secondariamente, mostra che le capacità umane come la razionalizzazione o le preoccupazioni come non rinunciare a qualcosa per cui ci siamo impegnati pubblicamente, probabilmente non sono i principali motori del fenomeno dei costi irrecuperabili. Terzo, ci ricorda che a volte c’è una buona ragione per arrendersi.

“Siamo predisposti a continuare a provare”, ha detto Brosnan. “E quando ci ritroviamo a restare attaccati alle cose, dovremmo anche essere un po ‘riflessivi. Ho una buona ragione per continuare a provare? O dovrei andarmene senza ricompensa, perché mi aiuterà maggiormente a lungo termine? È davvero difficile fare qualcosa. Ma si spera di poter usare le nostre capacità cognitive per superare l’angoscia emotiva di occasionali costi irrecuperabili “.



Daniele Tolu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *