La pesca eccessiva è una delle principali minacce alla biodiversità marina

La vita marina peggiora nelle aree protette dell'Unione europea che supportano 1,4 volte più reti a strascico rispetto alle aree senza protezione ambientale.

(Fonte: La Repubblica Veneta)
0

La pesca commerciale su vasta scala impone i suoi interessi sulla protezione delle aree marine. Al contempo la legge della giungla regna negli oceani e perpetua il sovra-sfruttamento marino . Negli ultimi sette giorni il mare ha accumulato tre battute d’arresto: le aree marine protette europee sono diventate dei paradisi per la pesca industriale in cui la vita marina declina invece di prosperare, l’ultima distribuzione delle quote di pesca dell’UE ha parzialmente ignorato le percentuali di catture sostenibili segnate da scienziati.

A completare, il Giappone ha ufficializzato che riprenderà la caccia delle balene senza la maschera del suo controverso piano scientifico di cetacei. Nell’Unione Europea ci sono 727 Aree Marine Protette (MPA) dagli stati. I pescherecci da traino in Europa pescano senza problemi in queste aree protette. Si trascinano in più della metà delle zone con protezione ufficiale dell’Unione e lo fanno con maggiore intensità.  1,4 volte di più rispetto alle aree non schermate, secondo lo studio basato sulla localizzazione satellitare della flotta commerciale effettuata da specialisti dell’Università di Halifax e il Kiel Ocean Research Center.




Il diffuso sfruttamento commerciale di queste aree protette mina gli obiettivi della conservazione della biodiversità. L’Europa è impegnata a fornire protezione ad almeno il 10% delle loro acque, al fine di rispettare la Convenzione Internazionale per la protezione della biodiversità. La media europea si attesta attualmente all’11%, sebbene con notevoli differenze a seconda della zona marittima.

Pertanto, il Grande Nord supera il 27% e la Macaronesia (dove si trovano le isole Canarie, Azzorre, Madeira o Capo Verde) supera a malapena il 3%. Nel Mediterraneo,  dichiarato dalla FAO come il più sfruttato del pianeta, il Mar Ionio, l’Egeo e l’Adriatico non si avvicinano all’obiettivo finale. La parte occidentale è al 19,6%. Essere MPA o aderire all’area europea di protezione ambientale Red Natura 2000 non implica direttamente il divieto legale di pesca, ma obbliga a regolamentare le attività economiche compatibili con la conservazione ambientale.




Tuttavia, gli addetti ai lavori, hanno scoperto che la designazione di una griglia protetta attrae i pescherecci da che funzionano senza molte restrizioni. Usando le specie vulnerabili come squali o razze come indicatore, scopriamo che molte aree protette non riescono a conservarle”. Queste specie sono diminuite fino al 69% nelle aree fortemente trainate.

La maggior parte della rete di Marine Natura 2000 è autorizzata ad attività come dragaggio o pesca a strascico.

2020 per raggiungere una pesca sostenibile

A tale riguardo, il 19 dicembre, i ministri dell’agricoltura e della pesca dell’UE hanno concordato le quote di pesca per il 2019 nell’Atlantico nord-orientale e nel Mare del Nord..

Related Posts

Durante i negoziati, il governo spagnolo ha annullato la proposta della Commissione di ridurre le catture di nasello secondo i criteri del comitato scientifico. “Alcune specie sono a livelli sostenibili come la rana pescatrice o il rombo, ma altre come la sogliola, l’eglefino e il merlano sono state ristabilite quest’anno in base a raccomandazioni scientifiche. In particolare il 114%, il 76% e Il 57% in più di detto consiglio “.

La pesca eccessiva continua ad essere molto alta. L’UE ha stabilito l’anno 2020 per raggiungere una pesca sostenibile a pieno titolo.  Il piano di gestione è fondamentale. Le aree devono stabilire obiettivi di conservazione chiari, cosa protegge e come farlo.

In Spagna, i piani di gestione coprono poco meno del 2% delle aree ufficiali. Questi ritardi sono solitamente spiegati perché c’è un periodo tra la dichiarazione dell’area e il suo piano di gestione. Il regolamento concede cinque anni per preparare questa documentazione.

La chiave è una gestione migliore che dovrebbe essere soddisfatta”, la soluzione è “far sì che il settore della pesca si unisca e faccia parte della soluzione perché, se non si regolamenta e si gestisce la pesca in Europa, a lungo termine ciò che si fa è di riferire il problema ai paesi impoveriti .

Il Giappone lascia la International Whaling Commission

Alcuni giorni fa, il Giappone ha ufficializzato la sua uscita dall’International Whaling Commission (IWC) che ha annunciato una settimana fa. Il paese ha cercato di indurre il CBI a ridurre il divieto di caccia alle balene a fini commerciali. Senza successo, ha lasciato l’organismo e riprenderà quell’attività senza mascherarla come un programma scientifico.

La sua flotta nel 2018 ha usato il suo programma scientifico per rilanciare la caccia commerciale, fino a 333 balenottere. 50 di loro in un’area marina protetta nell’Antartico, secondo i dati di posizionamento della nave. Con questa decisione, il Giappone si unisce alla Norvegia e all’Islanda, che pure non rispettano la moratoria di 30 anni sulla caccia ai cetacei.

Il manato controllo ha finito per decimare diverse specie.  Alcuni hanno messo una luce positiva su questo abbandono: dà più possibilità per la Commissione di dichiarare il Santuario delle Balene Sud del Pacifico del Giappone.

 

Felicia Bruscino

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi