La rivoluzione di Star Wars nel settore del merchandising

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Guerre Stellari, il primo film della saga di Star Wars uscito nel 1977, è una delle opere più importanti per il settore del cinema. Le innovazioni tecniche negli effetti speciali hanno segnato profondamente il settore, senza contare la grande influenza che ha esercitato la saga su moltissime opere uscite negli anni a venire.
George Lucas però ha cambiato profondamente anche un altro settore: quello del merchandising. Prima di Guerre Stellari nessuno pensava che si potessero far soldi vendendo prodotti ufficiali dei film. Solo la Disney faceva qualcosa di simile con i suoi film di animazione e riusciva anche a guadagnare cifre interessanti; si trattava però di un’eccezione e nessuno pensava di poter fare lo stesso con i film. É qui che Lucas dimostrò di essere un uomo dalla grande inventiva e con un grande senso degli affari. Il regista, al posto di chiedere un aumento alla casa di produzione 20th Century Fox, propose un’alternativa che venne accettata senza troppe discussioni. Cosa chiese Lucas? I diritti delle licenze per il merchandising e i profitti dei prodotti tratti dal film.
All’epoca una simile richiesta non sembrava nulla di esagerato, anzi, molte case di produzione pensavano che il merchandising potesse rivelarsi un boomerang. Un conto è creare prodotti ufficiali da vendere, un altro è riuscire a venderne un numero sufficiente per farne profitto. Lucas però doveva aver intuito il potenziale del merchandising, soprattutto per film come Star Wars e, facendo una vera montagna di soldi, dimostrò al mondo del cinema l’importanza dei gadget e come rendere molto più remunerativi i film.
Se qualcuno di voi avesse ancora dei dubbi sul potenziale del settore del merchandising credo possa bastare un numero: si stima che dal 1977 ad oggi il settore del merchandising di Star Wars abbia fruttato qualcosa come 9 miliardi di Dollari! Insomma, non sono finiti tutti in tasca a George Lucas ma direi che la sua idea è stata una delle intuizioni imprenditoriali più azzeccate di sempre.
9 miliardi di Dollari sono una cifra che fa spavento, probabilmente nemmeno Lucas pensava che il merchandising di Star Wars potesse valere tanto. Negli anni ’70 però Lucas non sapeva nemmeno se Guerre Stellari sarebbe diventato un successo, senza contare che all’epoca per “merchandising” si intendeva action figure e poco altro.
Oggi invece chi cerca dei Regali di Star Wars ha solo l’imbarazzo della scelta e l’offerta è così vasta da poter essere definita una Galassia di prodotti.
Qualsiasi oggetto di uso comune e non è stato ricreato a tema Star Wars, senza contare tutti i prodotti esclusivi, i giocattoli, i gadget da collezione, i libri, i fumetti, le serie animate, i parchi a tema, i locali e tantissimo altro. Insomma, una cosa è certa, i prossimi 9 miliardi di guadagni verranno raccolti in molto meno tempo!

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.