Giorgia Meloni: “La Sea Watch va affondata”. E i commenti sono ancora peggio

Poche volte, dall’insediamento di questo governo, sono state fatte dichiarazioni così becere, disumane e preoccupanti.

Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, ha pubblicato questo pomeriggio un tweet dai caratteri folli e alienanti. Nemmeno Matteo Salvini è mai arrivato ad affermare tanto. Il suo partito, da sempre schierato a destra, assume con questa terribile presa di posizione tratti estremisti, degni dei neofascisti Casapound e Forza Nuova.

Le parole, pronunciate ieri sera da Bruno Vespa, prima di essere twittate oggi, sono le seguenti.

Non c’è nessuna ragione al mondo per cui una nave battente bandiera olandese debba sbarcare i suoi passeggeri in Italia. Convocherei l’ambasciatore olandese per chiedere delle due l’una: o cara Olanda ti stai mettendo a fare traffico illegale di immigrati a casa mia, e quindi il tuo è un atto ostile e abbiamo un problema, o tu mi dici che quella nave non la riconosci, il che vuole dire che è una nave pirata e questo a casa mia significa sempre secondo le norme internazionali che tu devi arrestare l’equipaggio e secondo me la devi affondare“.




La cosa grave? Sì, molti utenti di Twitter sono d’accordo.

Non sappiamo con esattezza quanti dei profili che hanno commentato il tweet siano autentici o fake. Ma sono tanti, troppi, ancora più disumani, ancora più malati.

La nave non va affondata, inquinerebbe il nostro mare!” Scrivono. “La nave va sequestrata e bruciata. Punto. I sequestri sono momentanei, non è detto che vengano riscattati. Il fuoco è definitivo e, dal punto di vista igienico e sanitario, purificante”. E ancora.“Sì sì sì! Il concetto di affondare mi piace. Ma tutte le navi, non solo la Sea Watch!”. All’unisono, tutti. “D’accordo! L’equipaggio va arrestato e la Sea Watch va affondata!” 

 

Tutto questo è semplicemente spaventoso e aberrante. Concludo con un estratto di un bellissimo libro scritto oltre un secolo fa, ma sempre attuale: La psicologia delle folle di Gustav Le Bon (1895). “L’autoritarismo e l’intolleranza sono per le folle sentimenti molto chiari, che esse sostengono tanto facilmente quanto facilmente li praticano. Le folle rispettano la forza e sono mediocremente impressionate dalla bontà, che è facilmente considerata come una forma di debolezza. Le loro simpatie non sono mai state per i padroni miti, bensì per i tiranni, che le hanno dominate con energia.”

Historia magistra vitae? No, purtroppo non è così.

Ilaria Genovese

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *