La sigaretta elettronica più sana della bionda tradizionale?

Un articolo di Expert Review of Respiratory Medicine afferma che l’aerosol della sigaretta elettronica è più sicuro del tabacco di quella tradizionale.

Un mese fa il Professor Riccardo Polosa, direttore del CoEHAR, Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo di Catania presentava i 9 progetti di ricerca internazionale legati al mondo della sigaretta elettronica e dei suoi benefici rispetto al fumo di tabacco.

Lo scopo? Sfatare i pregiudizi legati allo svapare e creare più consapevolezza, sopratutto tra i più giovani..

“Per i fumatori che vogliono fare qualcosa per la loro salute, la nostra revisione mostra che passare alla sigaretta elettronica è un’opzione molto buona se non vogliono o non possono smettere completamente. Nessuno può provare che le sigarette elettroniche siano sicure al 100%, ma tutta la scienza mostra che le sigarette elettroniche sono molto più sicure del fumo”, ha affermato il Prof. Polosa.

Secondo il professore, la mancanza di studi chiari e specifici e di una spiegazione ordinata dei risultati ottenuti può aver inciso su alcuni dei pregiudizi che riguardano il fumo della sigaretta elettronica, che secondo Public Health England e il Royal College of Physicians of London sarebbe 95% meno pericolosa della bionda.




 

“A nostro parere ci sono prove raccolte crescenti che suggeriscono che sostituire le sigarette con le sigarette elettroniche è un metodo efficace per contenere l’uso di sigarette a base di tabacco. Sfortunatamente la comprensione dei consumatori dei rischi relativi è falsata e, negli ultimi anni, meno fumatori adulti hanno percepito le sigarette elettroniche come meno dannose delle sigarette a base di tabacco. Queste percezioni sbagliate hanno conseguenze reali e richiedono correzioni.”

I fumatori che hanno optato per la sigaretta elettronica la posto della bionda hanno riferito di un notevole miglioramento nei sintomi da fumo, risultati ancora maggiore per i soggetti che hanno definitivamente abbandonato le sigarette tradizionali.

“A nostro parere ci sono prove raccolte crescenti che suggeriscono che sostituire le sigarette con le sigarette elettroniche è un metodo efficace per contenere l’uso di sigarette a base di tabacco. Sfortunatamente la comprensione dei consumatori dei rischi relativi è falsata e, negli ultimi anni, meno fumatori adulti hanno percepito le sigarette elettroniche come meno dannose delle sigarette a base di tabacco. Queste percezioni sbagliate hanno conseguenze reali e richiedono correzioni.”

Per i fumatori con malattie quali l’asma e la malattia polmonare ostruttiva cronica (COPD), l’uso delle elettroniche ha un effetto benefico sui sintomi, sebbene i dati aggiuntivi siano necessari per determinare l’effetto completo che le sigarette elettroniche possono avere sulla funzionalità polmonare.

Il prof. Donald Tashkin, pneumologo e professore presso la David Geffen School of Medicine alla University of California, spiega: “Produrre risultati accurati per determinare i rischi e i benefici dell’uso delle sigarette elettroniche richiede un miglioramento sostanziale dei piani di ricerca attuali. Ovviamente, solo gli eventuali studi ampi e a lungo termine degli svapatori che non hanno mai fumato possono fornire i dati definitivi per mostrare qualsiasi impatto potenziale che l’uso di prodotti da svapare può avere sulla salute a lungo termine.”

Il prof. Polosa conclude: “Non basta sfiduciare la ricerca non istruttiva o anche fuorviante dovuta a problemi con la metodologia e l’interpretazione di questi studi. È urgente affrontare gli errori comuni e sviluppare raccomandazioni metodologiche robuste e realistiche in modo da valutare adeguatamente l’impatto dell’uso di sigarette elettroniche sulla salute umana in condizioni d’uso normali. L’adozione di metodi standardizzati può rendere possibile una migliore scienza per la riduzione del danno da tabacco.”

Chiara Nobis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *