La Spagna sarà il primo Paese dell’Ue a riconoscere il congedo mestruale

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Il congedo mestruale sarà previsto dalla legge sull’aborto. Sarà assunto dallo Stato e non richiederà contributo minimo. Il Ministero dell’Uguaglianza ha raggiunto un accordo con il Ministero dell’Inclusione e della Previdenza Sociale per includere il congedo mestruale nella legge sull’aborto, che sarà assunta dalla Previdenza Sociale.

Il governo di sinistra spagnolo sta studiando la possibilità di introdurre il congedo per malattia per le donne che soffrono di mestruazioni particolarmente dolorose. Una misura pionieristica in Europa che non suscita unanimità né all’interno dell’esecutivo né tra i sindacati. E quindi la Spagna potrebbe essere prossima a diventare il  primo Paese europeo ad approvare il congedo mestruale.

La proposta, inserita nella bozza del Ministero dell’Uguaglianza sulla  futura legge sull’aborto, è  in discussione  all’interno del Governo. E se le trattative dovessero proseguire, diventerebbe il primo Paese europeo in cui il congedo mestruale è già un dato di fatto. Come Giappone, Corea del Sud o Zambia.

Fonti governative hanno indicato che si tratterà di un’invalidità temporanea assunta dalla Social Security. Non comporterà alcun costo per le aziende . Inoltre, non richiederà, come avviene per altre comuni inabilità temporanee, alcun tempo minimo preventivato. Né verrà stabilito un numero di giorni.

Secondo i media spagnoli che hanno avuto accesso a una versione preliminare del disegno di legge, predisposta dal ministero delle Pari opportunità, la durata di tale permesso sarebbe di tre giorni. Con la possibilità di prorogarlo di altri due giorni in caso di sintomi acuti. Sulla base di un certificato medico.

Il segretario di Stato per l’uguaglianza e contro la violenza di genere, Ángela Rodríguez, aveva già anticipato che questa misura sarebbe stata la norma. Rodríguez ha spiegato che questa misura porrà la Spagna in prima linea in materia di salute e diritti riproduttivi. Inoltre, ha affermato che il diritto del lavoro “non può essere neutrale rispetto al genere” .

Finora le misure più vicine alla proposta di Parità sono quelle adottate da alcuni comuni, come Girona, che consentono l’assenza dal lavoro per otto ore al mese che possono essere compensate successivamente. Anche Sabadell, dove il Board of Spokespersons ha approvato all’unanimità la proposta del CER di creare un permesso fino a dodici giorni all’anno per il personale che lavora in municipio e nelle aziende municipali.

Una realtà in diversi paesi asiatici

La maggior parte  dei territori che nella loro legislazione raccolgono  il congedo mestruale si trovano in Asia. L’Indonesia  è il paese più aperto in questo senso. Nel 1948 una clausola fu inclusa in una legge sul lavoro che affermava che le donne che lavoravano “non possono essere costrette a lavorare” il primo e il secondo giorno delle mestruazioni.

Anni dopo, nel 2003, l’ultima legge sul lavoro del paese include il  diritto a due giorni di ferie retribuiti  per congedo mestruale. Inoltre, include l’obbligo di regolamentare questa pratica nel contratto. Le aziende  possono essere multate se non rispettato questo diritto.

In  Giappone  il congedo mestruale è riconosciuto  dal 1947. La normativa, tuttavia,  non obbliga le aziende a retribuire i dipendenti durante tale periodo. Come avviene per altre assenze giustificate da altri motivi medici. Ciò che prevede sono multe fino a 300.000 yen (circa 2.200 euro) a quelle aziende che negano la richiesta dei propri dipendenti.

Il numero di donne giapponesi che beneficiano di questo diritto è molto piccolo. Un rapporto del Ministero del Lavoro giapponese mostra che tra aprile 2019 e marzo 2020, solo lo 0,9% ha dichiarato di averlo utilizzato  in quel periodo. Secondo un sondaggio pubblicato dalla redazione del Nikkei su 2.000 donne, i motivi sono il  timore di reazioni negative da parte di colleghi e superiori. L’assenza di sintomi gravi o il fatto che pochissime donne lo richiedano.




Un altro Paese asiatico che riconosce questo tipo di permesso è  la Corea del Sud. Sebbene non sia presentata come una pratica generale,  è stata regolamentata dal 1953 ed è una materia trattata seriamente nel Paese. Secondo un sondaggio citato da EFE, nel 2017 il 19,7% delle donne aveva beneficiato di questo calo. Percentuale che, però, è molto inferiore al 23,6% del 2013. Nel 2021 l’ex direttore generale della compagnia aerea Asiana Airlines è stata multato di quasi $ 1.8000 per aver rifiutato 138 richieste di congedo mestruale.

A  Taiwan , la legislazione consente alle lavoratrici di prendere un giorno libero  al mese  come parte del congedo per malattia se incontrano difficoltà legate al ciclo mestruale. Questa regola è inclusa nel Gender Equality in Employment Act. In vigore dal 2002. In paesi come l’India , questo diritto  è in vigore solo in alcuni stati specifici. Come il Bihar, dove vengono offerti due giorni di congedo mestruale al mese. Il Parlamento ha cercato di estendere il periodo a quattro giorni nel 2017, ma la proposta non ha avuto un percorso politico.

Nel continente africano esiste anche un Paese il cui diritto del lavoro prevede il diritto delle donne a un giorno di ferie in più per motivi. Lo Zambia prevede nel proprio diritto del lavoro un giorno di assenza al mese per tutte le donne: “ogni dipendente donna ha diritto a un giorno di assenza dal lavoro ogni mese senza la necessità di presentare un certificato medico valido”.

In America Latina, paesi come  il Messico  consentono ad alcuni lavoratori statali  “licenze” per il riposo in caso di mestruazioni accompagnate da dolore pelvico, nausea, vomito o vertigini. Non esiste però una regolamentazione a livello Nazionale. Altri paesi del mondo come l’Australia o la Polonia hanno società private che raccolgono la possibilità di questo tipo di vittime al di là della legislazione del territorio stesso.

Nessun paese europeo include il congedo mestruale nella sua legislazione

In Europa  nessun Paese ha finora contemplato la possibilità di assentarsi dal lavoro nei giorni delle mestruazioni. Nonostante Paesi come l’Italia ci abbiano provato. Nel 2016, di fatti, è stato presentato un disegno di legge che proponeva il diritto delle donne ad assentarsi dal lavoro. Senza dover ricorrere a congedi per malattia o ferie  in caso di forti dolori durante le mestruazioni, ma non è stato approvato.

In altri paesi vicini, come la  Francia, il dibattito è aperto, ma non c’è una proposta ufficiale sul tavolo. La Germania, dal canto suo,  permette alle donne di recarsi dal proprio medico per chiedere un congedo mestruale, ma la decisione finale è sempre nelle mani dello specialista.

Iniziative simili erano state finora realizzate in Spagna in alcuni comuni, come Girona, che consente l’assenza dal lavoro per otto ore al mese che possono essere risarcite in seguito. O Sabadell, dove un permesso fino a dodici giorni l’anno per il personale del Comune e delle società comunali.

Dietro il dolore possono esserci altre patologie.

Studi precedenti stimano che dal 60% al 90% delle giovani donne nel mondo soffra di dismenorrea, un forte dolore mestruale. In Spagna circa il 75% delle donne ne è affetto, sebbene le cifre esatte siano difficili da verificare.

Dietro regole dolorose potrebbe non esserci una causa apparente, ma può anche essere la punta dell’iceberg di problemi di salute come endometriosi, fibromi uterini, anomalie uterine o altre patologie ormonali , tra le altre, come spiegato dalla Società di Ginecologia e Ostetricia Spagnola ( SEGO).

 

Felicia Bruscino

 

 

 

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.