La storia di Anna

Anna è una ragazza sui vent’anni, e passa le sue giornate a guardare fuori dalla finestra: sogna il suo futuro, le tristi e gioiose giornate che passerà passeggiando in un antico paese, pieno di splendore, naturalezza e semplicità. Sogna il suo lavoro: raccontare di chi non ha voce ma grida comunque, raccontare quello che nessuno racconta o che nessuno vuole raccontare. Sogna di passeggiare lungo la spiaggia e fissare il mare d’inverno, sogna i sorrisi della gente, quella gente che sorride nonostante tutto e sogna di poter sorridere un giorno. Condivide le giornate con le proprie catene mentali, è incatenata a sé stessa e non trova il modo di liberarsene. Anna non esce ormai da anni, ha abbandonato la scuola e ogni tipo di contatto con il mondo esterno, per paura. Vive nei suoi sogni, vive delle sue speranze e dei suoi libri, l’unica reale medicina e vive con le poche persona che sono rimaste al suo fianco.  La paura di Anna ha un nome e si chiama agorafobia. L’agorafobia è, in poche parole, la paura degli spazi aperti, per cui chi ne soffre tende ad evitare ogni situazione esterna che possa scatenare un attacco di panico . Per questo Anna evita di allontanarsi da casa, di andare alle feste, di fare la spesa, di incontrare persone (se non amicizie strette) o di fare una semplice passeggiata all’aria aperta. Per quanto possa sembrare sofferente, in realtà, chiudersi in casa è l’unico sollievo. Quando esce le sensazioni che prova sono a dir poco spaventose, si scatenano in lei una serie di sintomi che portano al pensiero della morte: l’immagine del suo corpo steso a terra invade invade la mente, le gambe iniziano a tremare, la vista si fa sempre più sfocata e  il cuore decide improvvisamente di fuoriuscire dal petto e farsi una passeggiata. Se non fosse per questi piccoli ma spaventosi sintomi Anna potrebbe continuare in tranquillità la sua passeggiata, invece l’unico modo di tranquillizzarsi, in quel momento, è vedere e percorrere la strada di casa. Arrivata a casa, ovviamente, tutto passa, tranne la paura. La paura che impedirà ad Anna di uscire il giorno dopo, e nemmeno l’altro e l’altro ancora. Non fa niente per cambiare, niente per uscire, non le interessa nemmeno più, sai la classica storia della volpe quando non arriva all’uva. Ha i suoi libri, la sua penna e i suoi sogni che le danno sicurezza. Finché una mattina, spinta dalla voglia insaziabile di sentirsi il vento nel viso, Anna esce, cammina, corre, con le gambe tremolanti e il cuore a mille, ma continua, non si ferma, il desiderio di libertà è più forte della paura, e ci riesce. Quando si ferma, però, si rende conto che si trova ormai lontana da casa e riparte tutto, il cuore le gambe, la vista, ma questa volta non scappa, si siede chiude gli occhi e piange, ininterrottamente, quel pianto le dà sollievo ora, e il cuore inizia a battere con regolarità, la vista torna normale e le gambe libere; in quel momento Anna capisce che le sue paure possono essere gestite, che la vita fuori è piena di opportunità, che può realizzare i suoi sogni e decide di intraprendere un percorso terapeutico, di capire il perché ha queste paure e cosa le scatena. Un anno dopo Anna si trova seduta su quel treno che per anni ha sognato di prendere, e abbracciando il suo libro guarda felice fuori dal finestrino la sua vita, che è riuscita a riprendersi. Adesso passeggia lungo la spiaggia e con gli stessi occhi con cui lo sognava, fissa il tramonto…

Il motivo per cui ho raccontato questa breve storia è perché Anna sono io, o per lo meno metà Anna sono io. Io sono quella che sogna ancora, quella che passa le giornate a guardare fuori dalla finestra e ha paura. E chissà, magari un giorno potrò essere Anna per intero, seduta su quel treno senza aver paura. 

nonsidicepiacere.it
nonsidicepiacere.it

One thought

  1. Brava. Il primo passo è sicuramente quello di prendere coscienza delle proprie paure, riuscire a raccontarle a se stessi e poi agli altri…non fermarti, continua il tuo percorso, passo dopo passo verso la riconquista della tua voglia di vivere. Forza “Anna”, faccio il tifo per te!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *