La Terra continua a perdere peso

Gli scienziati dell’Università di Cambridge hanno scoperto che gli oggetti del nostro sistema solare cambiano costantemente la loro massa. Si tratta anche della Terra, il cui peso, secondo gli esperti, si riduce di 50.000 tonnellate ogni anno.

La Terra è in continua evoluzione e questo aspetto include la quantità di massa che contiene il nostro pianeta. Il suo peso è pari a 5,97 miliardi di trilioni di tonnellate, una massa difficilmente immaginabile dal nostro cervello. Calcolata dalla gravitazione universale e dalla velocità di rotazione dei satelliti orbitanti, questa massa continua a cambiare, sempre e costantemente, e con il passare dei secoli ovviamente si trasforma.

Quando si costruiscono strutture sulla Terra, logicamente, non viene aggiunta alcuna massa, perché la massa esistente viene utilizzata e modellata. Pertanto, i razzi che arrivano in orbita attorno al nostro pianeta cadono a causa della gravità senza modificare l’equazione. La perdita di particelle nell’alta atmosfera è molto più grande, in massa, rispetto alla caduta di asteroidi . Ma questa perdita di massa rimane molto bassa rispetto alla massa complessiva della Terra. Per quanto riguarda le attività umane, hanno solo un impatto minimo.




Si stima che con l’accumulo di polvere di meteoriti e detriti spaziali di ogni tipo, il nostro pianeta guadagni 40.000 tonnellate ogni anno. D’altra parte, però, l’atmosfera disperde ogni anno nello spazio 95.000 tonnellate di idrogeno. Ci sono poi vari altri fenomeni che insieme costituiscono una costante perdita di massa per il pianeta.

Come ad esempio la perdita di massa dovuta al decadimento radioattivo all’interno del nucleo della terra che, secondo gli esperti, è di circa 160 tonnellate all’anno. Dati che non rappresentano una minaccia latente ma a cui va aggiunto anche la perdita di elio dall’atmosfera. All’incirca 1.600 tonnellate all’anno.

Il decadimento radioattivo del nucleo Terra perde energia nel tempo, ma questi dati non rappresentano una minaccia latente perché sono solo 16 tonnellate all’anno. ma a cui va aggiunto anche la perdita di elio dall’atmosfera, all’incirca 1.600 tonnellate all’anno. In tutto arriviamo a circa 50mila tonnellate di peso ogni anno. Un numero che fa paura e fa venire in mente l’immagine di un pianeta che piano piano perde pezzi fino a svanire.

Grande perdita di massa

Nel 2012, il microbiologo Chris Smith e il fisico dell’Università di Cambridge Dave Ansel hanno sottolineato nel programma More or Less di BBC Radio 4 che la Terra sta perdendo 50.000 tonnellate di massa ogni anno. Ma come sono arrivati ​​a quella stima?

In primo luogo, gli esperti hanno considerato le 40.000 tonnellate di polvere spaziale, resti del sistema solare, che vengono attratte dalla gravità del pianeta e ne aumentano la massa. Ma c’è qualcosa che fa perdere al pianeta più massa di quanta ne guadagni dalla polvere spaziale.

L’idrogeno e l’elio nell’atmosfera sono elementi così leggeri che hanno la tendenza a fuggire al di fuori della Terra. “I fisici hanno dimostrato che la Terra sta perdendo circa tre chilogrammi di idrogeno al secondo. Sono circa 95.000 le tonnellate di idrogeno che il pianeta perde ogni anno.  L’altro gas molto leggero a cui questo sta accadendo è l’elio e ce n’è molto meno intorno, quindi si perdono circa 1.600 tonnellate di elio all’anno”. Pertanto, la linea di fondo indica che la Terra perde 50.000 tonnellate ogni anno.

Per i 6 trilioni di tonnellate che il nostro mondo contiene, quella perdita rappresenta circa lo 0,000000000000001% della massa totale. In questo senso, ci vorrebbero miliardi di anni perché la fuga degli elementi si faccia sentire.

L’elio, d’altra parte, è una questione diversa. Rappresenta lo 0,00052% del volume nella nostra atmosfera. Ma è principalmente raccolto dal gas naturale usando un processo chiamato distillazione frazionata. L’elio sta diventando scarso nel nostro pianeta.

La perdita potrebbe essere maggiore

Michael E. Bakich, senior editor di Astronomy, ha evidenziato in un articolo del 2017 che un pianeta può perdere la sua atmosfera a causa dell’interazione con il vento solare. “In questo caso, l’energia di quel flusso di particelle cariche può aumentare la velocità delle molecole di gas abbastanza da sfuggire alla gravità del pianeta”.

Tuttavia, il nostro forte campo magnetico ci fornisce una difesa naturale. Devia quasi tutte le particelle nel vento solare fino a 40.000 miglia (65.000 chilometri) dalla Terra, ha scritto Bakich. L’esperto di Astronomia aveva tenuto conto anche del caso dell’idrogeno e dell’elio.

E, secondo alcuni calcoli, la Terra perde, ogni anno, 50.000 tonnellate di massa, anche se altre 40.000 tonnellate di polvere spaziale convergono nel pozzo gravitazionale terrestre, sta ancora perdendo peso.

È così, anche se ogni anno circa 40.000 tonnellate di detriti spaziali e polvere si depositano sulla superficie del nostro pianeta. Un leggero “aumento” rispetto alla massa totale del pianeta si verifica perché la temperatura della Terra aumenta e, di conseguenza, aumenta anche la sua massa. Tuttavia, tutto ciò non può compensare le perdite causate dall’elio e dall’idrogeno che vengono soffiati nello spazio dall’atmosfera terrestre.

Felicia Bruscino 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *