Lamù è cresciuta! Festeggia 35 anni

Ebbene sì, sono 35 anni che Lamù fa girare la testa ai maschietti.

Il 14 ottobre 1981, la prima puntata di Urusei Yatsura, titolo originale della serie, andava in onda per la prima volta in Giappone.

Lamù

Questa settimana abbiamo già parlato di Rumiko Takahashi, la donna che ha dato vita alla serie di Lamù.

La bella aliena dai capelli blu, ha stregato milioni di adolescenti con il suo bikini tigrato e il corpo mozzafiato.

Chi non avrebbe voluto essere il suo “tesoruccio” al posto del poco fortunato Ataru Moroboshi?

La storia nasce e si sviluppa nella città di Tomobiki, in cui Ataru frequenta il liceo.

Un bel giorno gli Oni decidono di conquistare la terra, ma propongono agli umani una possibilità.

Se vogliono che la terra venga risparmiata un umano, scelto a caso, deve riuscire a toccare le corna della figlia del re degli Oni.

Lamù.

Tutto questo entro dieci giorni.

Il computer a cui è affidata la scelta fa il nome di Ataru, il quale è molto contento del compito affidatogli.

Chi non vorrebbe avere l’occasione di acciuffare una ragazza così bella?

Purtroppo, i tentativi del ragazzo vanno in fumo uno dopo l’altro.

Lamù ha una caratteristica che a lui manca. Sa volare.

Il povero Ataru, dopo aver ritrovato la grinta, a seguito della promessa della fidanzata di sposarlo, riesce finalmente a toccare le corna della giovane Oni.

Preso dalla gioia e dall’euforia del momento il ragazzo esclama che finalmente si potrà sposare.

Lamù fraintende quella esclamazione, scambiandola per una proposta di matrimonio, e accettandola con entusiasmo.

Il giovane Ataru ha sì salvato la terra, ma, sfortunato com’è, si è tirato la zappa sui piedi.

Da qui si svilupperanno numerose vicende che avranno come protagonisti i personaggi più disparati. Alcuni dei quali diventeranno personaggi fissi della serie animata.

Insomma, Lamù è uno dei personaggi più conosciuti della storia degli anime giapponesi.

Negli anni la giovane Oni ha conquistato il cuore di tante persone.

 

Jessica Tomatis

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *