Le aree protette non sono sufficienti per salvare le foreste del sud-est asiatico

Un nuovo studio afferma che la copertura forestale si sta perdendo nelle aree forestali protette del sud-est asiatico quasi allo stesso ritmo di quelle non protette.

Ci sono molti possibili fattori che possono portare alla scomparsa delle foreste tropicali. Tuttavia, le politiche di sviluppo agricolo degli stessi paesi del sud-est asiatico sono la principale causa della scomparsa delle foreste tropicali. Secondo  l’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN), le foreste  svolgono un ruolo fondamentale nel ciclo del carbonio.

Supportano i mezzi di sussistenza e forniscono beni e servizi che possono favorire  una  crescita  sostenibile . L’IUCN  definisce un’area protetta  come un’area di terreno particolarmente dedicata alla protezione e al mantenimento della  diversità biologica .

Le aree protette ora coprono più di 17 milioni di chilometri quadrati, ovvero il 15% della superficie terrestre. Eppure i risultati dello studio pubblicato a dicembre su  Nature  mostrano che queste zone protette in Indonesia hanno perso solo il 4% in meno rispetto alle regioni non protette.

Ciò è significativo perché le tendenze della deforestazione regionale nel sud-est asiatico sono influenzate in gran parte dall’Indonesia. Dove si trova circa il 40% delle aree forestali protette e dove rimane oltre la metà delle foreste della regione.

Mentre il tasso complessivo di perdita di foreste nel sud-est asiatico è stato tre volte inferiore all’interno delle aree forestali protette nel periodo 2000-2018. Il periodo studiato rispetto ai paesaggi non protetti, ci sono variazioni significative.

Victoria Graham, autrice dello studio e ricercatrice presso il Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Ambiente della Macquarie University, afferma che con l’intensificarsi della pressione umana, le aree protette diventano meno efficaci nella conservazione della biodiversità. A meno che non vi sia un investimento adeguato.

Nel complesso, la crescente popolazione umana del sud-est asiatico ha contribuito alla perdita, al degrado e alla frammentazione delle sue foreste negli ultimi decenni. Secondo World Population Prospects, 2019.

Gli ultimi tre decenni hanno visto una notevole espansione delle aree protette terrestri e marine, che coincide con gli obiettivi concordati con la Convenzione sulla diversità biologica, in vigore dal 1993.

Tuttavia, l’ampliamento della copertura delle aree protette da solo si è rivelato insufficiente per proteggere la biodiversità; una gestione efficace all’interno dei confini delle aree protette è una componente essenziale per garantire la stabilità o il miglioramento delle popolazioni delle specie

Mentre l’agricoltura tropicale è rimasta allo stadio tradizionale di autosufficienza, la distruzione della foresta tropicale è stata trascurata. Lo sviluppo di piantagioni su larga scala di prodotti agricoli tropicali per il mercato globale, ha praticamente sostituito le foreste tropicali. La coltivazione di queste colture da reddito ha portato grandi benefici economici. Anche se, successivamente, è stata colpita dalle politiche agricole dei paesi indipendenti del sud-est asiatico. A partire dalla seconda guerra mondiale.

Le valutazioni rigorose delle prestazioni delle aree protette rimangono relativamente scarse, specialmente nella zona tropicale. Le prove che illustrano il motivo per cui alcune aree protette funzionano bene, mentre altre no, sono ancora più scarse.

Ma questa conoscenza è fondamentale per migliorare l’efficacia della rete delle aree protette. Inoltre, molti studi precedenti non tengono conto della localizzazione non casuale delle aree protette. Confrontando le aree protette con tutte le aree non protette presenti nel paesaggio o con zone limitrofi. Questi approcci ignorano ogni pregiudizio nel posizionamento nell’area protetta verso luoghi che sono a distanza.

Vale a dire ad alta quota, lontano dai centri urbani o strade, dove vi è meno potenziale per la produzione agricola, che a sua volta influisce sul livello di pressione deforestazione. I cambiamenti nella copertura forestale o la pressione umana sono due indicatori ampiamente utilizzati per misurare il livello di esposizione alle minacce.

Il vantaggio di tali indicatori è la loro ampia copertura, che aumenta la comparabilità tra i siti. Separare l’impatto dell’applicazione della legge e della gestione dalla posizione dell’area protetta può essere ottenuto confrontando le aree protette con siti controfattuale con caratteristiche simili. Utilizzando un approccio controfattuale, le stime dell’impatto della protezione sull’evitare la deforestazione sono state costantemente ridotte.




Gli esperti affermano che sono necessari livelli più elevati di risorse di gestione per ottenere ulteriori riduzioni delle emissioni di carbonio. E la protezione delle foreste del sud-est asiatico. Il buon governo, la progettazione solida e i piani per una gestione efficace sono criteri importanti. Per valutare lo standard di risultati di conservazione di successo.

Sono necessari maggiori sforzi di protezione e conservazione delle foreste nelle aree protette esistenti del sud-est asiatico. Per evitare le traiettorie previste di copertura forestale e la perdita di carbonio forestale stimata entro il 2050.

Raggiungere obiettivi di conservazione più diffusi nelle aree protette in tutto il sud-est asiatico è possibile con maggiori investimenti, in particolare nei parchi con biodiversità minacciata.

 

Felicia Bruscino 

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *