Le brioche che accomunano Mario Draghi a Maria Antonietta

Tutti conoscono la storiella di Maria Antonietta e delle brioche che avrebbe voluto distribuire al popolo francese rimasto senza pane.
La storia vera ce la mostra invece come un’abile politicante sempre in cerca di alleanze vantaggiose e persino attenta ai bisogni del suo popolo ma la leggenda ne ha fatto il simbolo della stupidità della monarchia, quella che oggi in mancanza di corone abbiamo ribattezzato Casta.
Stanno cominciando ad assommarsi le decisioni di questo governo che fanno pensare alle brioche, e cioè a un distacco abissale tra chi governa e il sentire comune della cittadinanza.
La frettolosa e inutile sospensione delle vaccinazioni ha lasciato tutti a bocca aperta e quel che è peggio ha generato incertezza e ansia in chi chiedeva soltanto di essere rassicurato. A seguire la cancellazione sommaria dei vecchi debiti con l’erario ha causato indignazione per la benevolenza verso i disonesti accompagnata dall’oltraggio verso chi ha sempre pagato anche le tasse più esose e ingiuste.
C’è un terzo caso di grave insensibilità sociale, ed è la libertà di scorrazzare quasi a piacimento per la penisola concessa ai fortunati che possiedono una seconda casa.
E’ risibile la motivazione addotta secondo cui i rischi di contagio sarebbero gli stessi perché spesso, anzi sempre se è in Sardegna, la seconda casa viene raggiunta utilizzando il trasporto pubblico che in giorni specifici viene regolarmente intasato. A questo aggiungiamo le ridotte dimensioni delle aree turistiche dove le case di vacanza si trovano, Ischia, Portofino, Capalbio, Porto Cervo, Riccione, e i negozi di alimentari, tabaccherie e farmacie troppo piccoli per gli affollamenti di punta e ci accorgiamo che l’aumento del rischio di contagio c’è e non è affatto trascurabile.
Accanto agli esperti di virologia e di logistica a Mario Draghi occorrerebbe anche qualche esperto di sociologia, qualcuno che faccia da raccordo tra la reggia di Palazzo Chigi e le persone normali, quelle che hanno una sola casa magari piccola e in periferia, quelle che pagano tutte le tasse, quelle che fanno fatica a fare la spesa, quelle che sono terrorizzate dall’idea di finire in un pronto soccorso sovraffollato con in testa un casco di vetro.
Perché alla fine anche il popolo più mite si arrabbia, chiedere a Maria Antonietta come andò a finire.

Mario Piazza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *