Le danzatrici di Severini

Fonte:www.wikiart.org
0

Uno dei tratti dominanti della poetica artistica di Gino Severini è il suo interesse per il dinamismo della danza e la figura femminile che assurge a simbolo di quest’arte applicata.

Dal 1910 al 1915 la danzatrice ricopre nell’immaginario dell’artista un simbolo del suo sentire nei confronti del rito collettivo. La danza quale emblema della vita moderna e fenomeno di costume dedito all’autocelebrazione. Espressione del nuovo e di una certa trasgressività, manifestazione di una simultaneità, stilema del sentire moderno.

La sua opera, “Danse du pan pan a Monico”,è resa suggestiva dalla scomposizione delle forme in tasselli colorati; l’effetto prospettico che rivela un movimento continuo, ripetitivo, potenziato da figure geometrizzate che sembrano allontanarsi e avvicinarsi dall’occhio dello spettatore, creando un’onda visiva.

Fonte:wikipedia.org
Fonte:wikipedia.org

Ritmica ripresa, ma con tecnica diversa, nel “Geroglifico dinamico del Bar Tabarin”, ove l’alternarsi di concavità-convessità delle forme cubiste, restituisce un effetto mobile armonico, a spirale, a chi lo osserva. L’anima futurista di Severini dopo queste rappresentazioni, si dirige verso un impianto di natura più astratta.

Le danzatrice raffigurate dopo il 1914 accolgono l’idea di spinte centripete e centrifughe, ma la contestualizzano all’interno del tema delle “Espansioni della luce”(già in nuce nel 1913), ovvero in un dissolvimento dello spazio-ambiente, tipicamente futurista, e in una convergenza simbiotica tra luce e colore. Quel che ora viene portato su tela è l’essenza stessa del ritmo della danza e la sua propulsione luminosa. Il ritmo è cadenzato.

Nel 1915, le vicende storiche relative al conflitto mondiale, esasperarono la poetica dell’artista che rappresentò delle ballerine pari a “fantocci disarticolati”, come burattini, senza anima, attraversate da tagli luminosi, prive di un ritmo armonico, silenti.

Le sedici persone che avete intorno a voi in un tram che corre sono una, dieci, quattro, tre; stanno ferme e si muovono; vanno e vengono; rimbalzano sulla strada, divorate da una zona di sole, indi tornano a sedersi, simboli persistenti della vibrazione universale.

 

 

Costanza Marana

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi