Le dolorose memorie dell’artista Najah Al-Boukai

Decine di disegni, esposti in tutta la Francia, raffigurano gli orrori di cui è stato testimone.

0
  • Najah-Al-BoukaiNajah Al-Bukai ex insegnante d’arte, rifugiato siriano che oggi vive in Francia, nel piccolo villaggio di Fontenay-le-Comte, è un’artista siriano che ha denunciato l’orrore della tortura attraverso i suoi disegni a biro. Un’acutissima testimonianza sulle torture del regime siriano durante la guerra civile. La sua più grande risorsa è la sua memoria fotografica, che gli permette di ricreare scene pittoriche viste diversi giorni, mesi o addirittura anni prima. Risorsa divenuta rapidamente il suo più grande nemico.

Dopo l’inizio della guerra, la sua prigionia lo ha reso testimone di molte cose e,  giorno dopo giorno, nella sua mente si sono  accumulati elementi sempre più violenti. L’unico modo per Najah al-Bukai di gestire e estrarre dai suoi pensieri quegli eventi e ricordi traumatici era la trasposizione su carta. “Bruciare l’orrore sulla carta per districarsi dalle atrocità, per strappare l’insopportabile dalla sua testa”.




I suoi disegni trasudano con un realismo in cui l’immaginazione non può competere. I personaggi in bianco e nero di Najah al-Bukai sembrano spezzati, abbandonati nel dolore e nella disperazione dalle torture che lo stesso artista ha vissuto e sofferto quando è stato imprigionato due volte nelle prigioni del governo, prima dell’esilio. L’oscurità è profonda, aggressiva, un riflesso di un’esperienza che non può mancare di lasciare tracce. L’artista si esercita guardando verso il futuro e confrontandosi con le tracce del suo passato, con ancora le cicatrici presenti sulle sue mani.

Najah-Al-Boukai

L’arte salvifica

Al-Bukai fu imprigionato durante la guerra civile siriana dopo aver aderito alle proteste anti regime per i diritti umani e la democrazia. Esperienza simile a molti altri attivisti siriani, tranne al fatto che è sopravvissuto. Nel 2012, fu imprigionato per un mese e nel 2014 per 11 mesi. Ogni volta per un motivo che va dalla semplice opposizione all’accusa di tradimento contro la sua nazione. Finisce nel centro 227 vicino a Damasco, prigione gestita dall’intelligence.

Najah-Al-Boukai

La tortura che ha subito è la peggiore mai citata finora. Un ricercatore per i diritti umani attesta di non aver mai incontrato metodi così atroci come quelli usati dai servizi segreti siriani. Al-Bukai afferma di ricordare ancora l’odore di carne marcia, le urla degli altri prigionieri. Ciò che lo scioccò fu come, in un modo orribile, lui e gli altri si abituassero ad esso. Ciò che la fece stare in piedi è l’amore per la vita, la sua famiglia e la sua arte.

“Per tutto il tempo che ero all’inferno, ho cercato di non vedere gli incubi. Invece, mi sono imposto di vedere sogni d’oro”.

L’arte gli ha offerto una fuga mentale per evitare il trauma e le ripercussioni psicologiche di ciò che ha vissuto. Secondo alcuni specialisti, oltrepassa la maggior parte delle sequele generate normalmente da tali esperimenti, grazie all’arte. Al-Bukai sostiene anche che le sue produzioni erano come una sorta di “terapia personale” che gli permetteva di evacuare, di esternare.




La specificità di queste creazioni artistiche di un altro genere non è senza ricordare il lavoro altrettanto profondo e ancorato in una realtà a volte troppo dimenticata da Zoran Music. L’artista sloveno è sopravvissuto all’Olocausto e offre molte esibizioni. Tuttavia, ancora una volta, queste esperienze sono uniche. Ciò che li unisce è il loro desiderio di liberarsi dal loro peso e di risvegliare le loro coscienze a ciò che a volte può essere la realtà. Questa missione sembra necessaria oggi, in un momento in cui la tortura è quasi segreta e dove una delle potenze mondiali pensa apertamente di restaurarla.

Oggi Al-Bukai attraversa la Francia, per esprimersi e condividere il più possibile la sua storia, in modo che il silenzio non trionfi e che le sue produzioni non siano fraintese.

 

Felicia Bruscino

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi