Le “Due Sessioni”: al via il massimo appuntamento politico cinese

Le "Due Sessioni" scandiscono l’attività politica del Partito Comunista Cinese. Gli esiti del 2020 sono particolarmente importanti.

0

Le “Due Sessioni” (两会, liǎnghuì) sono iniziate ieri pomeriggio, 21 maggio, a Pechino.

La terza sessione del 13° Comitato Nazionale della Conferenza Politica Consultativa del Popolo Cinese (CPCPC) è la prima delle due conferenze che si svolgono quasi in contemporanea. Le sessioni della CPCPC e dell’Assemblea Nazionale del Popolo (ANP) sono appuntamenti fondamentali nell’agenda politica cinese e scandiscono l’attività politica del Partito Comunista Cinese (PCC).

Il sito web del Quotidiano del Popolo, organo del PCC, è interamente dedicato alle plenarie delle “Due Sessioni” con l’apertura di sezioni speciali arricchite di video, foto e articoli specifici per ogni avvenimento degno di nota.




Cosa sono le “Due Sessioni”?

Le “Due Sessioni” sono gli incontri annuali delle due assemblee incaricate di ricevere le direttive del Partito, la CPCPC e l’ANP. Insieme costituiscono il massimo l’appuntamento legislativo annuale della Cina.

Il CPCPC si compone di 2100 membri scelti tra i delegati degli otto partiti democratici cinesi (compreso quello di Taiwan), i rappresentanti di Hong Kong e Macao, professionisti di vari settori, rappresentanti di organizzazioni e delle religioni riconosciute dal governo cinese.  Per riassumere, il CPCPC rappresenta la massima istituzione cinese con funzione consultiva. Qui, infatti, vengono discusse le le bozze delle proposte che passeranno al vaglio del governo.

L’ANP è costituita da 2957 deputati e rappresenta la più alta istituzione statale della Cina, nonché unico organo con potere legislativo della Repubblica Popolare Cinese.

Quest’anno a causa della pandemia, il Comitato Permanente dell’Assemblea Nazionale del Popolo –  che fa le veci dell’ANP nel lasso di tempo che separa gli incontri annuali – aveva dichiarato che le due conferenze avrebbero avuto una durata inferiore rispetto alle due settimane canoniche. Il tutto si svolgerà in una settimana, terminando il 27 maggio, salvo modifiche dell’ultimo minuto.

Misure precauzionali per i partecipanti

Tutti i delegati sono stati costretti a sottoporsi al test sierologico, le finestre delle camere verranno tenute aperte per consentire regolare riciclaggio dell’aria e le interviste saranno concesse in videoconferenza. L’avvio dei lavori politici è un chiaro messaggio per il mondo. Anche in tempi difficili la vita politica cinese prosegue, seppur con tutte le precauzioni del caso.

Durante la cerimonia di inaugurazione della Conferenza politica consultiva, è stato osservato un minuto di silenzio come omaggio alle vittime della pandemia di Covid-19.

L’anno 2020

Quest’anno le plenarie cinesi sembrerebbero essere guidate da una parola d’ordine: crisi. Si tratta di una crisi poliedrica che tocca la sanità, l’economia, la politica e la società. Fino ad ora, le proposte che hanno ricevuto maggior risalto sono le severe punizioni contro il consumo di animali selvatici e cani proposto dal deputato Zhu Lieyu, l’idea di concedere alle famiglie la possibilità di avere un terzo figlio e la gestione delle sommosse di Hong Kong. Quest’ultima bozza in particolare, se varata (non ci sono elementi per cui questo non accada) cambierebbe drasticamente le circostanze delle proteste. La modifica costituzionale determinerebbe una ulteriore diminuzione delle libertà e un quasi totale assoggettamento al governo di Pechino.

Noemi Rebecca Capelli

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi