Le intercettazioni shock del Dottor Morte e L’infermiera Killer

0

Il” Dottor Morte” e “l’infermiera killer ” così sono stati ribatezzati. Gli amanti diabolici del pronto soccorso di Saronno, medico anestesista lui, infermiera lei. Non è un filmetto di serie B made in Usa, e nemmeno una storiella partorita da qualche scrittore da strapazzo, è tutto vero. E noi tutti ci meravigliamo sempre a guardare quelle facce, quelle facce banali. Si, perché il male spesso si cela dietro a facce così, troppo abituati ad identificare i malvagi dei film con facce da duri, sguardi ca*zuti, ma il più delle volte il male si nasconde dietro a facce come queste. E nessuno mai si sarebbe aspettato che dietro due facce da str*nzi insignificanti, come quelle di Laura Turoni, infermiera di 40 anni, e di Leonardo Cazzaniga, medico di 60.

132128080-0f1f463b-868f-4e45-9223-1c6556b4082c

Si profila una strage, per mano sicuramente, fino ad adesso sono state uccise 5 persone. Nel corso degli anni, la faccia da str*nzo insignificante, si aggirava tra le corsie mietendo vite col suo brevettato metodo Cazzaniga, un mix di farmaci letali, morfina con dosaggio dieci volte più elevato del consentito. Purtroppo, il numero delle vittime di questi due serial killerè destinato a crescere, troppe sono le morti inspiegabili e troppi casi ancora sono irrisolti, e l’inchiesta si allarga coinvolgendo a vario titolo altre 14 persone, tra cui anche un primario. Per la serie, “non aprire quella porta” che non sai se torni a casa, che ad un certo punto è meglio morire a casa che per mano di certi str*nzi. Fortunatamente, i due maniaci sono finiti dietro le sbarre e non possono più nuocere a nessuno.

Le intercettazioni :

Se vuoi uccido anche i bambini”. “No, i bambini no“. Sembrerebbe in questa conversazione ai limiti del paranormale, che almeno il Dottor Morte avesse conservato un minimo di codice deontologico, mentre l’infermiera killer appare fuori controllo. “Se vuoi, li uccido anche loro...”. parla dei figli l’infermiera killer, i suoi figli, dopo aver ucciso il marito, per dimostrare assoluta ubbidienza e sottomissione a lui ( dottor morte). “Secondo te potrei essere accusato di omicidio volontario? Se si documenta che ho praticato l’eutanasia… io non sono neanche l’unico” questo domandava Cazzaniga  alla complice che rispondeva : “L’eutanasia è un’altra cosa, tu firmi e ti fanno un cocktail di farmaci… loro non riuscivano nemmeno a respirare“. Cazzaniga allora si preoccupava: “E allora è omicidio volontario… potrei venire accusato. Emergono altre intercettazioni sconcertanti: “Poi facciamo fuori anche la nonna” queste le parole delle intercettazioni ambientali. La Turoni è in auto con il figlio di 11 anni che nelle indagini è denominato “Angelo Blu” :”Ma poi la nonna Maria la facciamo fuori…” è la frase che finisce nelle intercettazioni.”Non sai quanto le nostre menti omicide messe insieme siano così geniali”  queste le parole di Angelo Blu alla mamma. “Tua nonna non è possibile” gli rispondeva lei “A tua nonna e a tua zia non è semplice… A meno che non gli fai tagliare i fili dei freni a tua zia… Gli tiri l’olio dei freni. Poi c’è tua zia Gabriella… Non sei abbastanza grande per poter… Non sei abbastanza grande!  E poi cosa avresti fatto? Le avresti fatte sparire così? Non è così semplice, sono grosse! L’umido da noi passa solo una volta a settimana (…) non abbiamo più neanche i maiali”.

Rosario Lubrano 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi