Le Mummie delle paludi, mistero e particolarità.

Fonte: nationalgeographic.it.png
0

Il termine mummia evoca meraviglie dell’antico Egitto e temibili personaggi di film horror, ma non tutti forse hanno sentito parlare anche delle “mummie di palude”.

Fonte: nationalgeographic.it
Fonte: nationalgeographic.it

A prima vista questi corpi giunti fino a noi dal Nord Europa sembrano sculture di cuoio. Circa un centinaio sono stati scoperti per caso, e arrivano dalla Germania, dalla Gran Bretagna, dall’Irlanda e dalla Danimarca. Alcune di esse sono vecchie di ben ottomila anni mentre altre, più recenti, risalgono a circa quattro secoli fa.

Molte sono le particolarità e le curiosità appartenenti alle mummie delle torbiere, altro loro nome. La ragazza di Windeby, ad esempio, fu ritrovata nel 1952 e datata tra il 41 e il 118 a.C. Recentemente però, l’esame del DNA ha rivelato che si tratta in realtà di un ragazzo adolescente.

Le mummie sono state create dalla mancanza di ossigeno nelle acque paludose, a causa della quale i microorganismi non possono vivere e quindi, in loro assenza, gli organismi non possono essere decomposti. Tutte le caratteristiche del corpo, capelli, pelle, unghie e persino organi vitali, sono stati perciò perfettamente conservati.

Il particolare colore marrone delle mummie è dato invece dall’acidità delle acque.

L’uomo di Tollund, quarantenne al momento della morte e risalente al quarto secolo a.C., è quasi del tutto intatto e fu scoperto nel 1950.

Una domanda lecita è perché quelle persone furono sepolte nelle paludi. Molte sono le ipotesi a riguardo, come ad esempio quella che li individua come condannati a cui non spettava la cremazione, tecnica in uso nel nord-Europa a quei tempi. Molti corpi presentano segni di sgozzamento o gravi ferite compatibili con morte violenta inflitta ai criminali o alle vittime sacrificali.

Fonte: leggievai.it
Fonte: leggievai.it

Alcune mummie conservano ancora in buone condizioni persino gli abiti. La donna di Haraldskaer e quella di Huldrenose sono abbigliate elegantemente, segno del loro rango e posizione sociale. Ciò potrebbe indicare che forse nella palude venivano sepolti forestieri o non appartenenti al popolo che avevano raggiunto, oppure che fossero state sacrificate per un rito.

La donna di Meenybradden, invece, appartenente al sedicesimo secolo e ritrovata in Irlanda, pare fosse una suicida e quindi si presume che fosse state sepolta nella palude perché non poteva essere sepolta in un luogo consacrato.

Anche alcuni soldati russi e tedeschi della prima guerra mondiale sono entrati nella schiera delle mummie delle paludi.

Paola Bianchi

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi