LE SOLITE COSE: SERVI, SCHIAVI, LIBERI…

0

SUSANNA SCHIMPERNA

Di Susanna Schimperna

Sarà proprio una mia fissazione. O una mia indecisione.

Davvero so se devo catalogarmi tra gli schiavi o i servi o i liberi o gli oppressori? Sospendo giudizio e riflessione perché adesso mi preme di più un discorso generale. Generale ma concreto.

Mi ha colpito molto quanto una volta, ospite in una mia in trasmissione radiofonica, ha detto Daria Galateria sugli intellettuali. Io sostenevo che molti di loro rimangono più spesso delle altre persone in solitudine, e questa solitudine aiuta asviluppare la propria personalità, la rafforza, a rende unica, ma è un disastro per il carattere. Galateria ha rincarato la dose: “gli intellettuali sono per loro natura vigliacchi, e la solitudine che li sottrae al confronto e all’agone aumenta la loro vigliaccheria”.

Mi chiedo allora se questa attitudine abbia ache vedere con la libertà. Sottrarsi, autoescludersi. Un atto di superbia e insieme di vigliaccheria. Due parole che non ci piacciono e che quindi non riusciamo, perlomeno istintivamente, associare alla libertà. E se però fosse questa della rinuncia alla lotta l’unica libertà possibile, l’unica che ci permetta di salvaguardare un nucleo pulito, di non “contaminarci” (e già opporsi a questo verbo così adorato oggi, così TRENDY, mi sembra cosa bella e buona)? Non ho mai fatto prima discorsi così puristi e…”rinunciataristi”.

Sarà l’influenza di Franco Valobra, che sventolava sempre la bandiera della vigliaccheria con un piglio da eroe e la schiena più dritta di un cavaliere in parata. Sarà. Non sono sicura nemmeno di questo. Di una cosa però sono sicura. Che le cose indispensabili per permetterci poi di pensare alla libertà – pane, cultura, sicurezza – non le abbiamo. Ogni giorno mi stupisco di come la gente possa vivere, trovare lavoro, avendo trovato lavoro guadagnare abbastanza, avendo guadagnato abbastanza avere curiosità e voglia di studiare e pensare. E’ tutto così difficile, disperante, frustrante, mortificante. Ma c’è sempre, per chi voglia andare in luna di miele e non abbia i soldi, per chi sia paralizzato e non abbia la carrozzella, per chi sia malato e non abbia nemmeno un chirurgo cane che lo operi, c’è sempre, che meraviglioso progresso, la possibilità di andare ad esporre il proprio caso in televisione, permettendo al conduttore di turno o al politico invitato di prendersi a cuore il caso e fare bella figura. Una volta si andava in chiesa, in pellegrinaggio, o si scrivevano suppliche al re. La probabilità di essere almeno ascoltati era ugualmente minima. Ma una differenza c’era, ed enorme: ci si umiliava di meno. Perché le tue disgrazie, le tue miserie, la tua infelicità le esponevi a Dio e al suo unto terrestre, tutto sommato. 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi