Legge elettorale Comuni, in Parlamento la vogliono cambiare ora

La legge elettorale per i Comuni finora ha sempre funzionato e non era mai stata criticata da nessuna forza politica. E’ strano osservare che alcuni deputati, verdiniani e Pd, vogliano tentare di cambiarla proprio nel gran finale della legislatura quando c’è già tanta carne al fuoco.

Il deputato del Pd Emanuele Flaiano favorevole a cambiare la legge elettorale dei Comuni sopra i 15mila abitanti.

Stiamo parlando della legge elettorale per i Comuni sopra i 15mila abitanti dove si vince al primo turno con oltre il 50% dei voti. In caso contrario, si va al secondo turno, ballottaggio fra i primi due, dopo due settimane e vince chi ottiene almeno un voto in più dell’altro contendente.

 

In Commissione Affari Istituzionali alla Camera, il verdiniano Massimo Parisi ha proposto di eliminare dal ballottaggio tutti i Comuni dove il sindaco al primo turno abbia ottenuto più del 40% dei voti e non più oltre il 50%. Qualcosa di molto simile all’Italicum pensato per la Camera, ovvero una legge che poi fu giudicata incostituzionale dalla Consulta. E ciò dovrebbe già fare riflettere.

 

In Commissione alla Camera, l’emendamento alla legge per i Comuni è passato grazie anche ai voti favorevoli del Pd e in particolare di Emanuele Flaiano che ha giustificato il parere favorevole dicendo che è una posizione sostenuta dall’Anci nazionale.

 

Proprio il segretario nazionale del Pd Matteo Renzi ha ripetuto più volte negli anni che la legge elettorale che funziona meglio è quella per i Comuni. Ma forse ha cambiato parere, il che in politica è lecito e avviene spesso.

 

Bisogna anche ricordare che alle ultime elezioni per i Comuni al Pd le cose non sono andate bene in molti capoluoghi importanti. Ed è interessante il famoso caso di Torino: alle ultime  amministrative Piero Fassino del Pd al primo turno ottenne oltre il 41,8% dei voti, ma al secondo perse da Chiara Appendino del Movimento 5 stelle che è diventata sindaco della città sabauda per eccellenza. E’ solo un caso che il partito di Fassino voglia la soglia per divenire primo cittadino al 40% e non più al 50%?

 

Chissà se nel finale della legislatura, con tante leggi importanti ferme nelle Commissioni e nei due rami del Parlamento, passerà anche quella che vuole cambiare la legge elettorale dei Comuni superiori ai 15mila abitanti.

Massimo Mongardi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *