Letteratura: ecco la classifica più recente dei libri più letti di sempre

Secondo la classifica dei libri più letti di tutti i tempi Don Chisciotte si guadagna il podio. Ma a dominare la classifica è il maghetto Harry Potter.

Nella lista è presente un solo libro italiano, “Le avventure di Pinocchio”.

Tempo di estate, tempo di vacanza, tempo di mare. Puntuale come ogni anno il sopraggiungere dell’estate porta con se quell’aria di leggerezza e di dolce far nulla che con fin troppa facilità riesce a fare breccia nelle persone. Ma l’estate può anche essere l’occasione per dedicarsi ad attività che durante l’anno si sono sempre rimandate, o per mancanza di tempo o per mera ignavia.

Procrastinare una certa attività a data da destinarsi non è quasi mai cosa buona, soprattutto se tale attività richiede un cospicuo apporto sinaptico e/o cognitivo, come ad esempio la lettura. Eppure i benefici apportati dalla lettura sono innumerevoli e di per loro dovrebbero essere un buon motivo per impugnare un libro. Non solo ne trarrebbe giovamento la nostra cultura ma anche la nostra memoria e le nostre facoltà cognitive ci ringrazierebbero.




Se dunque è vostra intenzione cimentarvi nella lettura potreste però incorrere nel dilemma che attanaglia molti lettori e lettrici: quale libro leggere? Tale dilemma potrebbe far insorgere futili ubbie, soprattutto se si guarda al desolante panorama di carta straccia di cui è prevalentemente composto il panorama editoriale attuale.

Tra la miriade di libri da non leggere ve ne sono però alcuni la cui fama è imperitura: sono i sempiterni classici, quei libri la cui fama e notorietà sono ormai impresse nella storia. Ecco allora una classifica, la più aggiornata, sui libri più letti di sempre. Nella classifica, oltre a numerosi classici, troviamo anche alcuni titoli contemporanei che hanno contribuito al diffondersi della lettura fra grandi e piccini.

La classifica dei libri più letti di sempre

Escludendo buona parte della letteratura moderna che il sottoscritto consiglia vivamente di non leggere, lo scibile umano ha comunque saputo partorire opere di fantasia di mirabile bellezza, anche se non si tratta di opere recenti. Anzi, la vetustà di un’opera può rappresentare proprio un incentivo per smuovere la curiosità alla lettura.

Sebbene non vi siano dati ufficiali, la classifica che andiamo a presentarvi è basata solo su delle stime di vendita. Essendo pressoché impossibile risalire alle fonti delle vendite esatte dei singoli romanzi, l’unico modo per stilare la classifica è stato quello di approssimarne le stime.




Ebbene, basandoci sui dati forniti da Wikipedia, questa è la classifica dei libri più venduti di sempre. Al primo posto troviamo “Don Chisciotte” di Miguel de Cervantes. Pubblicato per la prima volta nel 1605, si stima che sino a oggi abbia venduto qualcosa come 500 milioni di copie. Al secondo posto troviamo un romanzo di Charles Dickens: “Racconto di due città”. Sebbene non goda di particolare fama in Italia, il romanzo a sfondo storico dell’autore inglese, pubblicato nel 1859, ha venduto sino a oggi circa 200 milioni di copie. Sul podio troviamo anche “Il signore degli anelli”, opera di J. R. R. Tolkien edita nel 1954. Resa celebre anche grazie all’omonima saga cinematografica, l’opera fantasy ha venduto fino a oggi circa 150 milioni di copie.

Seguono poi altri importanti romanzi, come ad esempio “Il piccolo principe” (1943). Anche se si tratta di un racconto per ragazzi e non di un romanzo, l’opera, con le sue 140 milioni di copie vendute, è stata comunque inserita in classifica. In quinta posizione troviamo poi il maghetto più famoso, Harry Potter. Partorito dalla penna di J. K. Rowling, “Harry Potter e la Pietra filosofale” si stima abbia venduto 120 milioni di copie dalla sua pubblicazione (1997).

In realtà l’intera classifica è dominata dai romanzi del maghetto: le ultime sei posizioni della classifica sono tutte occupate dai rimanenti capitoli della saga letteraria.

Dopo il mago di Hogwarts troviamo “Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie”. Scritto da Lewis Carroll e pubblicato nel 1865, si stima abbia venduto circa 100 milioni di copie; lo stesso successo è spettato a “Dieci piccoli indiani” di Agatha Christie, “Lo Hobbit” sempre di Tolkien e “Il sogno della camera rossa”, capolavoro letterario cinese del 1792.




Segue “Il leone, la strega e l’armadio” della saga di Narnia dello scrittore C. S. Lewis che dal 1650 ha venduto circa 85 milioni di copie. “La donna eterna” di H. Rider Haggard, pubblicato nel 1887, ha venduto circa 83 milioni di copie. Troviamo poi un titolo italiano, “Le avventure di Pinocchio”, di Carlo Collodi. Unico romanzo italiano della classifica, dal 1881 ha venduto approssimativamente 80 milioni di copie.

Infine, dopo Pinocchio si piazza “Il codice Da Vinci” di Dan Brown. Pubblicato nel 2003, si stima abbia venduto 80 milioni di copie come “Vardi Wala Gunda”, romanzo indiano del 1992.

Nicolò Canazza

 

Comments are closed.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi