Crittogramma Levasseur, l’enigma più complicato della storia dei pirati

Uno dei pirati più famosi ha lasciato un mistero che ancora oggi non è stato svelato

Forse uno dei tesori più preziosi di tutti i tempi si nasconde in qualche angolo sperduto del mondo, solo chi saprà leggere un codice misterioso potrà trovarlo

0

Oliver Levasseur, è un famoso pirata che nacque a Calais. La data della sua nascita non è certa ma si pensa che forse sia nato durante la Guerra dei Nove anni. È molto noto perchè su di lui si racconta una storia davvero affascinante. Si pensa che abbia nascosto il tesoro più prezioso di tutti i tempi. Secondo ipotetiche stime si pensa che valga addirittura 1 miliardo di sterline. Ma dove si trova questo tesoro?



Pirata Levasseur, la storia

Oliver Levasseur ebbe una famiglia benestante nella quale ricevette un’ottima istruzione. Presto divenne ufficiale di marina e la sua carriera nel mare iniziò. Durante la Guerra di Successione spagnola diventò, in via ufficiale, un corsaro al servizio della corona francese. Terminata la guerra non tornò a casa ma diventò un membro della Benjamin Hornigold, una compagnia di pirati. Levasseur si dimostra subito un ottimo saccheggiatore. Il suo soprannome diventa “La Buse” che significa “La poiana” perchè era molto veloce e spietato con i nemici. Aveva un occhio ferito che copriva con una benda. Simbolo che nell’era moderna, divenne tipico della pirateria.



Il tesoro nascosto

Torniamo alla faccenda del tesoro. Una leggenda narra che Levasseur lasciò un crittogramma di 17 linee che avrebbe illustrato la via per trovare il suo preziosissimo tesoro. Prima di morire dichiarò che chiunque fosse riuscito a decifrare la lettera avrebbe ottenuto il suo tesoro. Questo codice ahimè è ancora oggi è incomprensibile a tutti quelli che hanno tentato di decifrarlo. Levasseur ha lasciato una lettera scritta in un alfabeto conosciuto o forse un rebus che riporta una scrittura iniziatica probabilmente simile al simbolismo massonico. Secondo altri studi il codice potrebbe avere delle relazioni con lo Zodiaco, le clavicole di Salomone e le dodici fatiche di Ercole.



I tentativi

L’inglese Cruise-Wilkins per tutta la sua vita tentò di trovare il tesoro sull’isola di Mahé. Ma vi trovò soltanto una grotta nella quale trovò vecchi cannoni, monete e sarcofagi pirata. Wilkins morì il 3 maggio del 1977 prima di riuscire a decifrare l’ultimo pezzo del codice. Il figlio, porta avanti la ricerca del padre nella speranza un giorno di trovare questo leggendario tesoro.

Rebecca Romano

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi