Libro Bianco sull’AI: almeno 3 anni di attesa per la Commissione Europea

Lo sviluppo dell’AI apre le frontiere verso applicazioni in campo tecnico e sperimentale innovative, ma la comunità scientifica e legiferante vuole fare un passo indietro e attende la pubblicazione del “Libro Bianco”

Negli ultimi mesi, l’evoluzione delle possibili applicazioni dell’AI ha aperto la strada a un nuovo modo di intendere molti dei servizi che ci vengono offerti: dal mondo della food delivery fino all’osservazione del canto delle balene. Progressi che però ad oggi preoccupano: cosa ci dobbiamo aspettare nel lungo periodo? Quanto saremo influenzati e quanto potrebbe cambiare il nostro approccio alla vita quotidiana in un mondo dove un clic di una palpebra potrebbe permettere un acquisto online?

E per quanto riguarda la privacy, una delle grandi questioni di etica del nostro paese? Postare, condividere, commentare: da un lato un mondo più interconnesso, dall’altro la tendenza a voler ricercare un angolino segreto dove rifugiarsi. Perché da sempre, un mondo grande affascina ma spaventa.




E proprio partendo da una riflessione su etica, moralità e privacy la Commissione Europea ha avviato i lavori sul mondo dell’AI per presentare a fine febbraio il “Libro Bianco”, sull’evoluzione e sui rischi connessi all’intelligenza artificiale e alle sue applicazioni. Libro di cui recentemente hanno pubblicato un piccolo estratto.

Una questione morale che non riguarda solo astruse regole comportamentali o dibattiti filosofici, ma è intrinsecamente connessa con l’evoluzione del diritto stesso.

Riconoscimento biometrico e facciale, utilizzo di armi sempre più “autonome” e automatizzate: sviluppi che mettono a rischio i diritti fondamentali dell’uomo in quanto essere e in quanto cittadino.

“L’uso di tecnologie di riconoscimento facciale da parte del settore pubblico o da quello privato dovrebbe essere vietata per un periodo di tempo (da tre a cinque anni), durante il quale una metodologia per valutare l’impatto di queste tecnologie  e possibili misure per mitigare i rischi possano essere identificate e sviluppate”. (estratto dal testo)

Da un lato dunque la necessità di sfruttare le nuove tecnologie e rimanere al passo con i governi esteri, come quello cinese e quello americano che investono molte risorse nello sviluppo dell’AI, dall’altro garantire la sicurezza dei dati dei cittadini europei e stabilire una norma di comportamento comune che rispetti i diritti fondamentali su cui si fonda l’Unione Europea.

Dibattito che deve svolgersi anche in materia  di responsabilità, dividendo quella dei produttori da quella di sviluppatori e fruitori.

Anche il CEO di Google, Sundar Pichai, ha dichiarato che l’attesa è la scelta migliore

Una dichiarazione che sicuramente riflette una mossa astuta e consapevole: in caso di una lacuna normativa, aspettare significa evitare di incorrere in possibili sanzioni o provvedimenti (il caso facebook ormai ha fatto scuola).

Ceo che richiede inoltre un allineamento delle norme internazionali soprattutto tra UE e USA, per permettere di seguire una linea di sviluppo e comportamento similari.

Troppo veloce però rimane l’evoluzione nel corso degli ultimi anni: ci ricorda un po’ il mito della caverna di Platone, dove gli schiavi potevano vedere solo le ombre riflesse sulle pareti e non la realtà esistente. Se noi potessimo liberarci delle catene del costante “aggiornamento” quale sarebbe la realtà effettiva? Quali sono le ombre che ci distraggono?

Chiara Nobis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *