Linee guida OMS sull’attività fisica e il comportamento sedentario, le ultime novità

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Pubblicate le linee guida dell’OMS sull’attività fisica 

Sono state di recente pubblicate (dicembre) le nuove linee guida dell’OMS 2020 sull’attività fisica e il comportamento sedentario. L’organizzazione mondiale della sanità ha aggiornato le linee guida del 2010 riguardanti attività fisica e sedentarietà.

Metodi dello studio

Le linee guida sono state sviluppate in conformità con i protocolli dell’OMS.

Un gruppo di esperti di sviluppo delle linee guida ha esaminato le prove per valutare le associazioni tra attività fisica e comportamento sedentario per una serie concordata di risultati sanitari e gruppi di popolazione.

La valutazione ha utilizzato e aggiornato sistematicamente le recenti revisioni sistematiche pertinenti. Nuove revisioni primarie hanno affrontato ulteriori risultati sanitari o sottopopolazioni.

Risultati

Le nuove linee guida si rivolgono a bambini, adolescenti, adulti, anziani e includono nuove raccomandazioni specifiche per le donne incinte e post partum e le persone che vivono con condizioni croniche o disabilità.

Tutti gli adulti dovrebbero intraprendere 150-300 minuti di attività fisica di intensità moderata, o 75-150 minuti di intensità vigorosa, o qualche combinazione equivalente di attività fisica aerobica di intensità moderata e vigorosa, a settimana.

Tra i bambini e gli adolescenti, una media di 60 minuti al giorno di attività fisica aerobica di intensità da moderata a vigorosa durante la settimana fornisce benefici per la salute. Le linee guida raccomandano un’attività regolare di rafforzamento muscolare per tutte le fasce d’età.

Inoltre, la riduzione dei comportamenti sedentari è raccomandata in tutte le fasce d’età e abilità, sebbene le prove non siano state sufficienti a quantificare una soglia di comportamento sedentario.

Conclusioni

Queste linee guida dell’OMS per il 2020 aggiornano le precedenti raccomandazioni dell’OMS rilasciate nel 2010.




Riaffermano i messaggi che alcune attività fisiche sono migliori di non farne nessuna, che una maggiore attività fisica è migliore per ottenere risultati ottimali per la salute.

Inoltre, forniscono una nuova raccomandazione sulla riduzione dei comportamenti sedentari. Queste linee guida sottolineano l’importanza di intraprendere regolarmente attività di rafforzamento aerobico e muscolare. Inoltre, per la prima volta, vi sono raccomandazioni specifiche per popolazioni specifiche. Ad esempio, anche per le donne incinte e post partum e per le persone che vivono con condizioni croniche o disabilità.

Tali orientamenti dovrebbero essere utilizzati per informare le politiche sanitarie nazionali in linea con il piano d’azione globale dell’OMS sull’attività fisica 2018-2030. Ed infine per rafforzare i sistemi di sorveglianza che monitorano i progressi verso obiettivi nazionali e globali.

Agostino Fernicola

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.