L’inquinamento atmosferico può essere collegato ad un aumentato rischio di demenza

Associazioni trovate non spiegate da fattori influenti noti

0

L’inquinamento atmosferico è ormai un noto fattore di rischio per malattie cardiache / ictus e malattie respiratorie. Nonostante ciò il suo “potenziale” ruolo nelle malattie neuro-degenerative, come la demenza, non è del tutto chiaro. Secondo uno studio basato sull’osservazione – condotto a Londra – l’inquinamento atmosferico può essere collegato ad un aumentato rischio di sviluppare demenza.

Per cercare di esplorare ulteriormente i fattori, i ricercatori hanno utilizzato stime accuratamente calcolate dei livelli di inquinamento atmosferico e acustico a Londra. Ciò per poter valutare potenziali legami con nuove diagnosi di demenza. Hanno attinto informazioni da anonimi record sanitari dei pazienti della Clinical Practice Research Datalink (CPRD). Raccogliendo così dati dalle pratiche generali che giungono da tutto il Regno Unito dal 1987.

Ai fini di questo studio, i ricercatori si sono concentrati su poco meno di 131.000 pazienti di età compresa tra 50 e 79 anni nel 2004, a cui non era stata diagnosticata la demenza. Inoltre registrati in 75 ambulatori di medicina generale situati nei pressi dell’autostrada M25 di Londra.




Sulla base dei codici postali residenziali di questi pazienti, hanno stimato la loro esposizione annuale agli inquinanti atmosferici. In particolare biossido di azoto (NO 2 ), particolato fine (PM2,5) e ozono (O 3 ). Tenendo in considerazione la vicinanza al traffico intenso e al rumore stradale. Utilizzando metodi di modellazione convalidati, convalidati con misurazioni registrate.

La salute di questi pazienti è stata quindi monitorata per una media di 7 anni, fino a una diagnosi di demenza, morte o de-registrazione dalla pratica. A seconda di cosa avvenne per prima.

Durante il periodo di monitoraggio, 2181 pazienti (1,7%) sono stati diagnosticati con demenza, compreso il morbo di Alzheimer. Queste diagnosi sono state associate a livelli ambientali di NO 2 e PM2,5, stimati nelle abitazioni dei pazienti all’inizio del periodo di monitoraggio nel 2004.




Coloro che vivono in aree nel quinto superiore dei livelli di NOhanno un rischio maggiore del 40% di essere affetti da demenza. Rispetto a quelli che vivono nel quinto inferiore. Un simile aumento del rischio è stato osservato per livelli di PM2,5 più alti. Associazioni coerenti e inspiegabili da noti fattori influenti, come il fumo e il diabete. Sebbene quando erano limitati a tipi specifici di demenza, rimanevano solo per i pazienti con diagnosi di malattia di Alzheimer.

Molti fattori possono essere coinvolti nello sviluppo della demenza

Questo è uno studio osservazionale e, come tale, non può stabilire una causa, e, i risultati potrebbero essere applicabili solo a Londra. Tantomeno i ricercatori sono stati in grado di raccogliere esposizioni a lungo termine, che potrebbero essere rilevanti. In quanto il morbo di Alzheimer potrebbe richiedere molti anni per svilupparsi.

Molti i fattori che possono essere coinvolti nello sviluppo della demenza. La cui causa esatta non è ancora nota, sottolineano i ricercatori. E, mentre ci sono diversi percorsi plausibili per gli inquinanti atmosferici per raggiungere il cervello, come potrebbero contribuire alla neuro-degenerazione non è chiaro.




Ma suggeriscono: “L’inquinamento atmosferico legato al traffico è stato collegato a uno sviluppo cognitivo più povero nei bambini piccoli. Un’esposizione significativa continuata può produrre neuro-infiammazione e alterazioni delle risposte immunitarie innate del cervello nella prima età adulta.”

Sostengono che anche se l’impatto dell’inquinamento atmosferico fosse relativamente modesto i guadagni di salute pubblica sarebbero significativi.  Se emergesse che il contenimento dell’esposizione potrebbe ritardare la progressione della demenza.

 

Felicia Bruscino

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi