L’Italia non è l’Emilia Romagna, ma neppure la Repubblica di Weimar

0
Forse dovremmo tutti andarci a studiare o ripassare i 14 anni della Germania pre nazista denominati Repubblica di Weimar e le analogie che scopriremmo ci farebbero ghiacciare il sangue nelle vene.

La Storia è la miglior maestra solo se la si sa ascoltare, e invece siamo tutti distratti da chi investe la propria cultura e autorevolezza per minimizzare gli osceni episodi di antisemitismo che cominciano ad affollare le cronache, ovviamente voci da destra ma anche incredibilmente da sinistra.

Certo, ci dicono, Salvini non è Hitler. Non ne possiede la perfida intelligenza politica né il diabolico carisma ed è persino amico di Israele, poco conta se la vantata amicizia si rivolge al governo israeliano in quanto oppressore di Palestinesi e spauracchio dell’odiato Medio Oriente musulmano e proprio per nulla alla sua popolazione dentro e fuori i confini di Israele.

E certo, ci dicono, quand’anche Salvini fosse un novello Hitler il mondo occidentale non permetterebbe mai il ripetersi dell’abominio dei campi di concentramento. Peccato che i lager esistano già in Libia, in Grecia, in Turchia, nella ex Jugoslavia e persino in Australia, e che i loro ospiti non siano di religione ebraica non dovrebbe affatto rassicurarci sull’umanità dell’occidente.

Se rileggessimo la Storianegli anni che interessano la Repubblica di Weimar ci guarderemmo bene dal considerare i neonazisti che imbrattano tombe, che distruggono pietre d’inciampo, che spaccano vetrine, dipingono porte e minacciano Ebrei e ogni altra minoranza alla stregua dei delinquentelli che lanciavano pietre dai cavalcavia.

Questa è pericolosa feccia nazista, l’espressione violenta e criminale derivata più o meno scientemente da quella parte politica pacifica e legale che rimase seduta in Senato davanti a Liliana Segre, monumento vivente delle vittime di ieri e di oggi.

Feccia nazista da annientare fino agli estremi limiti consentiti da un ordinamento democratico, finché ce lo abbiamo.

 

Mario Piazza


Informazione “di parte”, nell’intento di dar voce soprattutto a chi non né ha: gli ultimi, i deboli, gli emarginati. Di stampo apartitico, si schiera piuttosto dalla parte dei diritti, di chi lotta per essere riconosciuto, dalla parte dell’essere umano e dell’essere umani: per questo temi particolarmente cari sono la discriminazione razziale, sessuale e religiosa, i movimenti della classe operaia, lo sviluppo integrale delle persone appartenenti alle fasce più vulnerabili della popolazione come disabili, anziani e minori. Aiutaci a fare tutto questo, basta anche un caffè! La donazione ti darà la possibilità di entrare a far parte del nostro forum. Scrivici per sapere come.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi