Lotta alle bufale: il passo verso un’informazione migliore

Quanto bisogna preoccuparsi?

2

In un mondo in costante connessione, la quantità di notizie è immensa. Non sempre però, la qualità e la veridicità dell’informazione è garantita.

L’informazione subdola

Diverse persone (spinte dall’avere maggiori visualizzazioni) pubblicano delle notizie molto dannose. Le bufale sono ovunque e sono così tante da non essere riconosciute tutte all’istante. Spesso quando ce se ne accorge, la “notizia” ha fatto il suo giro “infettando” gli ignari lettori. Dagli articoli che screditano i vaccini a quelli sulle presunte morti di personaggi famosi. Negli ultimi giorni stanno circolando diverse pubblicazioni che mettono in dubbio la veridicità riguardo la situazione in Siria. Le “cazzate” quando rimangono tali possono essere tollerate ma qui abbiamo passato ogni limite. Questa è vera e propria disinformazione.

 

Per un’informazione migliore: Facebook marchia le notizie false

La piattaforma ha appena lanciato in 14 Paesi (Italia compresa) un nuovo strumento a disposizione degli utenti. Seguendo alcune regole si potranno smascherare le bufale. Ad anticipare la novità è stato lo stesso Zuckerberg scrivendo sul proprio profilo

Stiamo iniziando a sperimentare un nuovo strumento che vi aiuta ad individuare le false notizie. Quando toccate il riquadro nella parte superiore della vostra sezione notizie, vedrete i suggerimenti su come individuare e contrassegnare storie false o create per ingannare le persone. Abbiamo lavorato a questo progetto con First Draft, un’organizzazione no profit dedicata alla raccolta di norme per la segnalazione e la condivisione di informazioni online. Questa settimana abbiamo anche aiutato a lanciare ‘the News Integrity Initiative’, progetto nato da gruppo di esperti della CUNY Graduate School of Journalism, creato per fornirvi corrette informazioni sulle notizie che leggete e condividete online. Fermare la diffusione di notizie false è una parte importante per la costruzione di una comunità informata. Sappiamo che la nostra comunità vuole informazioni precise. Abbiamo ancora tanto lavoro da fare, ma questo è un altro importante passo avanti”.

Anche a Google sta a cuore la buona informazione

Google Italia ha annunciato il rilascio del nuovo strumento di etichettatura delle bufale. Questo provvedimento permetterà alle persone di poter verificare l’attendibilità di un’informazione. L’iniziativa serve ad impedire che le persone possano condividere delle notizie false alimentando il fenomeno della disinformazione. In un post pubblicato dallo stesso Google si legge

Con migliaia di nuovi articoli pubblicati online ogni minuto di ogni giorno, la quantità di contenuti con cui si confrontano gli utenti può risultare eccessiva. E purtroppo, non tutti questi contenuti sono aderenti ai fatti o veri, rendendo così difficile per i lettori distinguere i fatti da ciò che è falso. Ecco perché ad ottobre, insieme ai nostri partner di Jigsaw, abbiamo annunciato che in alcuni Paesi avremmo iniziato a consentire agli editori di mostrare l’etichetta “Fact Check” in Google News. Questa etichetta consente di identificare in modo più immediato gli articoli di verifica dei fatti

Altre forze si muovono

Non è facile trovare una soluzione equilibrata. Il Presidente dell’Antitrust ha ipotizzato agenzie pubbliche per contrastare la diffusione di bufale con interventi rapidi e incisivi per la loro rimozione. Paolo Veronesi (Presidente della Fondazione Veronesi) ha proposto di mettere sui siti scientifici un bollino antibufale. Alcuni senatori hanno presentato un disegno di legge per tracciare in modo certo l’identità di chi scrive sui social. È necessario trovare soluzioni equilibrate per limitare i danni di un uso spregiudicato di Internet evitando ingiuste censure preventive.

 

MARCO GALLETTI

2 Comments
  1. Giuseppe Zippo says

    Non pensavo che Google avesse cosi a cuore questo aspetto.

    1. Ultima Voce says

      Ciao Giuseppe, invece si, e per fortuna (aggiungiamo noi).

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi