Louvre di Parigi: espone quasi 500mila opere al pubblico online

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Louvre di Parigi: quando i visitatori non vanno al museo, il museo incontra i visitatori online.

Chi non vorrebbe, proprio in questo momento, salire sul primo volo per la Francia e visitare la capitale con le attrazioni? Fino a quando l’emergenza Covid-19 ci impedirà di tornare a viaggiare liberamente, lo storico museo di Parigi apre le sue porte a visitatori online. Proprio così! É possibile e basterà cliccare sul sito ufficiale del museo del Louvre per vedere tutti, ma proprio tutti, i capolavori delle molteplici collezioni. Dalla Nike di Samotracia alla celebre Galleria degli Italiani, passando per la scultura del Canova di Amore e Psiche, che sembra uscita dalle favole di Lucio Apulelio.

Di che si tratta?

É aperto e gratuito, per tutti gli amanti dell’arte, il nuovo sito web della galleria parigina. Il portale sarà in continuo aggiornamento, grazie agli esperti del museo che offriranno il loro contributo culturale.

Il presidente del museo, Jean-Luc Martinez afferma:

“Per la prima volta chiunque può accedere gratuitamente all’intera collezione di opere da computer o smartphone, siano esse in mostra al museo, in prestito, anche a lungo termine, o in deposito. Lo straordinario patrimonio culturale del Louvre è ora tutto a portata di click! Sono certo che questo contenuto digitale ispirerà ulteriormente le persone a venire al Louvre per scoprire di persona le collezioni”

Cosa offre il sito web?




Un ampio ventaglio di attività sono presenti nel portale: ce n’è per tutti i gusti. Si possono seguire gli eventi in auditorium, come dei concerti di musica classica o ci si può lasciare trasportare dall’impeto di Delacroix grazie alle conferenze sulle sue opere. Oppure, se si preferisce, si possono seguire i convegni sulla passione di Cristo nell’arte o sull’amore e le sue molteplici raffigurazioni. Per i temerari che vogliono cimentarsi con il francese, invece, il museo ha organizzato un podcast in lingua sulle opere e sugli autori che hanno fatto la storia.

E, nel  caso in cui qualcuno se lo stesse chiedendo, sì! É esposta anche la Gioconda di Leonardo da Vinci, con una spiegazione dettagliata delle tecniche pittoriche, così come sulla storia della donna che si celava dietro al quadro immortale. Per di più, per rendere il tutto ancora più realistico, il museo ha messo a disposizione anche un’esperienza in realtà virtuale del quadro. Non ci basterà che seguire la guida del sito e lasciarci trasportare tra le mura di una delle gallerie più celebri al mondo.

Nella speranza di ritornare a sentire gli odori delle tele custodite, di guardare con i nostri occhi i pigmenti senza il filtro dei pixel e di lasciarci trasportare dalle emozioni in una stanza intrisa di genio, potrebbe essere un ottimo modo per colmare l’assenza. Accendete il vostro dispositivo, mettetevi comodi sul divano e gustatevi l’Arte.

Mariachiara Grosso

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.