“Lucky”: tra violenza e pregiudizi, il viaggio di Alice Sebold

“Chi dice che preferirebbe lottare fino alla morte piuttosto che farsi violentare è un idiota. Parlando di scalate o di traversate burrascose certa gente dice di essere diventata tutt’uno con la montagna o con l’acqua… Io divenni tutt’uno con quell’uomo. Quell’uomo teneva in mano la mia vita…” (Tratto dal romanzo “Lucky” di Alice Sebold)

lucky
Alice Sebold, autrice di “Lucky”

Siamo nel 1981. La città è Syracuse, nello Stato di New York. Alice Sebold ha diciotto anni e ha appena terminato il suo primo anno di università. Ha appena passato una serata con il suo amico Ken, e commette l’errore di attraversare il parco che porta alla casa dello studente in cui alloggia. Viene aggredita da un ragazzo che, nonostante le urla e i calci di Alice, riesce a sopraffarla e a stuprarla. Alice denuncia il suo aggressore, e ascolta incredula le parole del poliziotto, il quale sostiene che la Sebold è stata fortunata, dato che una ragazza è stata uccisa nello stesso posto in cui è avvenuta la violenza subìta da Alice. E “Fortunata” (in inglese “Lucky”) è proprio il titolo di questo romanzo sincero, sconvolgente, un autentico pugno nello stomaco. Ma la Sebold non si sente affatto fortunata.

Alice torna a casa sentendo di aver perso tutto. Già, la ragazza era vergine prima dell’accaduto, e adesso vede il mondo diviso in due: ciò che è sicuro, e ciò che non lo è. La ragazza ci presenta la sua famiglia: una madre ansiosa con un passato da alcolista, un padre che insegna all’università e che vive di libri, una sorella maggiore fragile e “silenziosa come un topolino”. Ed è proprio grazie alla stramba e disfunzionale famiglia Sebold che Alice ricomincia a vivere, anche se piena di rabbia e paura.

“Lucky” è un romanzo potente, senza peli sulla lingua. Il lettore accompagna Alice nel suo viaggio. Il perbenismo e i pregiudizi della borghesia americana all’alba degli anni Ottanta. Amiche sotto shock, che vedono una ragazza violentata anziché la solita Alice, goffa e burlona. E poi l’incontro con lo stupratore, seguito da udienze e processi. La Sebold utilizza un linguaggio schietto nel descrivere la violenza e tutti gli avvenimenti successivi.

“Lucky” è un’autobiografia che ci presenta la violenza che ha cambiato la vita di una ragazza, della sua famiglia e dei suoi amici. Ma è anche lo splendido racconto della tortuosa formazione letteraria della Sebold. Una donna che oggi ha cinquantatré anni ed è una scrittrice di successo. La Sebold ci riporta nel parco in cui è stata violentata a diciotto anni, scoprendo la violenza nel modo più difficile.

Veronica Suaria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *