Affrontare la siccità: in Madagascar i baobab diventano cisterne idriche

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Situato nell’area sud-orientale dell’isola, l’altopiano di Mahafaly è una delle regioni più aride del Madagascar: in tutta la sua estensione non c’è traccia di fiumi o laghi e le scarse precipitazioni stagionali vengono rapidamente assorbite dal terreno poroso.  In questo ambiente ostile, le comunità etniche Mahafaly e Tandroy hanno ideato nuove soluzioni  per convivere con la siccità, avvalendosi delle risorse che la Natura gli ha messo a disposizione. In che modo? Utilizzando i Baobab come grandi cisterne idriche. 

I Baobab: gli alberi dell’acqua e della vita

Questi alberi secolari sono caratterizzati da un fusto che può raggiungere un diametro di 8 metri e gli esemplari più grandi possono arrivare a contenere fino a 150.000 litri di acqua piovana, che la grazie alla spessa corteccia viene protetta da contaminazioni esterne. Così, durante la stagione delle piogge, l’acqua viene raccolta e disposta nei tronchi dei baobab precedentemente forati e scavati al loro interno.

Quando l’agricoltore trova un baobab adulto, l’area viene pulita e contrassegnata per informare che qualcuno ha preso l’albero. Quindi, un gallo viene sacrificato per chiedere il permesso e la benedizione agli antenati, perché il baobab è sacro e ospita spiriti.

Si tratta di una pratica ereditata dagli antenati della regione, in adattamento alla carestia e alla siccità riscontrate nel 1920. Pertanto in località come Ampotaka, un villaggio di 300 famiglie Mahafaly, la cura dei baobab è di vitale importanza, tanto che ogni famiglia ne possiede almeno uno in custodia e ne ha piena responsabilità.  




Per ricavare una buona cisterna, è necessario che il baobab sia piuttosto maturo, e trattandosi di alberi millenari significa che l’esemplare deve aver superato almeno i trecento anni di vita.  Una volta scelto, sono richiesti circa dieci giorni di lavoro per ottenere la capienza necessaria: più è ampia la cavità, maggiori saranno le probabilità di sopravvivere alla siccità. 

Emergenza climatica e povertà: la carestia colpisce il Madagascar

Il Madagascar sta affrontando una crisi umanitaria senza precedenti  e, sebbene recenti studi scientifici riconoscano la principale causa nel crescente impoverimento della popolazione, è impossibile negare che il riscaldamento globale aggravi ulteriormente  la situazione. 

Sull’isola si riscontra la peggiore siccità degli ultimi quarant’anni e il cambiamento climatico sta rendendo le stagioni delle piogge sempre più incerte e discontinue. Questo  costringe le comunità locali a compiere tragitti di 15-20 ore su strade dissestate, nell’intento di raggiungere delle località dove è possibile acquistare dell’ acqua: un estenuante compito assegnato alle donne delle comunità etniche.

Anche le coste dell’isola sono sempre meno sicure. Negli ultimi anni è stato registrato un aumento della frequenza degli uragani, che diventano sempre più distruttivi e difficili da prevedere. Le  persone cercano così riparo nelle regioni interne, più sicure dalle catastrofi naturali, ma anche estremamente aride e inospitali.

Per questi motivi le cisterne ricavate dai Baobab sono indispensabili e la loro realizzazione, così come la custodia, assume il carattere di un’usanza sacramentale che viene tramandata di generazione in generazione.

Fabio Lovati

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.