Made in Italy: il nuovo film di Ligabue dopo il successo di Radiofreccia

Ligabue torna a far parlare di sé. Ecco il nuovo film: Made in Italy

“Fare film è una fatica boia, ci vuole una pazienza che io non ho. La soddisfazione che ne ricavi è infinitesimale rispetto a quando la gente canta davanti a te e poi devi stare lontano dalle scene per un anno. E poi l’alibi era che non avevo una storia. Adesso la storia c’è” Ligabue parla di Made in Italy.

0

Dopo il grande successo di Radiofreccia arriva per Ligabue un nuovo film: Made in Italy

Per l’estate sono previste le riprese nella città di Reggio Emilia

made in italy
Made in Italy: l’album si trasforma in film

Dopo aver ideato uno dei capolavori del cinema italiano, Radiofreccia, e aver prodotto anche Da Zero a Dieci, Ligabue si cimenta nel nuovo film. Si vocifera già un possibile nome per pellicola. Pare ci sia la possibilità che abbia lo stesso nome del suo ultimo album: Made in Italy.



Da zero a dieci

Dopo Radiofreccia arriva Made in Italy

La location scelta dal rocker di Correggio, pare sia proprio Reggio Emilia. Le riprese dovrebbero vere inizio questa estate, nel mese di luglio. Il protagonista è un incognito, anche se c’è più di qualche possibilità che si tratti di Stefano Accorsi. L’attore bolognese, infatti, ha già lavorato con Luciano interpretando il ruolo di Freccia. Riguardo la nuova pellicola il cantante ha dichiarato: “Stefano Accorsi sarebbe perfetto”. La casa di produzione di questo nuovo progetto sarà la stessa di Radiofreccia. La Fandango seguirà, infatti, ancora una volta Ligabue nella sua avventura.




Radiofreccia

Riko

Il protagonista di questo nuovo film sarà Riko, lo stesso dell’ultimo album. “Ci sono due motivi che mi hanno tenuto finora lontano dal cinema. Durante Radiofreccia è nato mio figlio, mentre giravo Da Zero a Dieci è morto mio padre ed è come se fossi rimasto scottato da quella esperienza. Fare film è una fatica boia, ci vuole una pazienza che io non ho. La soddisfazione che ne ricavi è infinitesimale rispetto a quando la gente canta davanti a te e poi devi stare lontano dalle scene per un anno. E poi l’alibi era che non avevo una storia. Adesso la storia c’è. Sto pensando però a una nuova struttura di film. Ho in mente Quadrophenia”. L’alibi che ha utilizzato negli ultimi 15 anni non è più valido. Adesso c’è Riko e la sua storia basterà per appassionare il pubblico.

Mi chiamano tutti Riko
Tieni botta Luciano. Il meglio deve ancora venire!

Maria Giovanna Campagna

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi