La maglia dell’Inter sarà fatta al 95% da bottiglie di plastica riciclate

Inter e Nike insieme verso una riduzione sensibile dell’impatto ambientale del merchandising e del kit da gara della squadra meneghina. Una piacevole notizia in Serie A e un segnale importante per il mondo sportivo.

La sfida della sostenibilità viene sposata anche dal calcio nostrano con la nuova maglia dell’Inter. Grazie a Nike e al suo cambio di rotta verso un impatto zero nella produzione dei propri prodotti gli obiettivi di riduzione delle emissioni diventa centrale anche nel calcio.

La nuova maglia dell’Inter

Il kit da gara della squadra campione d’Italia, con un design che richiama il biscione nerazzurro, è realizzato al 95% da un tessuto ricavato da bottiglie di plastica riciclate. La nuova maglia dell’Inter  in collaborazione con Nike potrà essere di riferimento per un futuro con divise green e ad impatto zero.  Altri club europei hanno iniziato ad accogliere la sfida della sostenibilità con maglie fatte di tessuto riciclato, come Bayern Monaco e Real Madrid, ma queste iniziative dovranno quanto prima essere accolte da tutti i club a livello di federazioni calcistiche nazionali e continentali.




Una partita fuori dal campo

La società meneghina si dimostra ancora una volta molto vicina a tematiche sociali ed in questo caso anche ambientali. Il progetto portato avanti con Nike infatti è solo l’apice di un percorso iniziato con i vari progetti di Inter Campus nel mondo, poi negli ultimi anni una forte campagna contro il razzismo (dopo l’episodio specifico di Inter-Napoli del 2018) e ora una vicinanza alla sfida aperta verso la sostenibilità ambientale. La speranza è che questo tipo di percorso sia intrapreso da tutti i brand e sposato da tutte le società professionistiche italiane e non solo. Saranno necessari progetti di lungo termine non solo in termini di sostenibilità ambientale, ma anche sociale. Il ruolo dei top club europei dovrà essere di lotta allo sfruttamento del lavoro minorile e a tutela delle condizioni dei lavoratori che producono le loro divise nel mondo. Una partita importante da vincere il prima possibile.

Matteo Abbà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *