Malattia di Crohn, i funghi possono comprometterne la guarigione delle ferite

3 milioni di persone negli Stati Uniti vivono con malattie infiammatorie intestinali

Circa 3 milioni di persone negli Stati Uniti vivono con malattie infiammatorie intestinali, tra cui la malattia di Crohn. Questa condizione cronica si sviluppa quando le cellule immunitarie nell’intestino rispondono in modo eccessivo a una minaccia percepita per il corpo. Si pensa che il microbioma – batteri, funghi, protozoi e virus che vivono nell’intestino – svolga un ruolo in questo processo. Qualunque sia la causa, questa reazione immunitaria può danneggiare le cellule che allineano il tratto gastrointestinale.

Malattia di Crohn in breve

Un importante tipo di malattia infiammatoria intestinale, chiamata malattia di Crohn, può verificarsi ovunque nel tratto gastrointestinale, anche se il più delle volte colpisce l’intestino tenue e il colon. Gli scienziati hanno studiato la relazione tra il microbioma intestinale e l’infiammazione nella malattia di Crohn, con l’obiettivo di sviluppare trattamenti mirati.

Sperimentazione su topo

I ricercatori guidati dal Dr. Thaddeus Stappenbeck, precedentemente della Washington University di St. Louis e ora alla Cleveland Clinic, hanno esaminato il tessuto intestinale danneggiato in un modello di topo della malattia di Crohn. Il loro lavoro ha ricevuto finanziamenti in parte dal Centro Nazionale per la Salute Complementare e Integrativa (NCCIH) del National Institutes of Health. I risultati sono stati pubblicati il 12 marzo 2021 su Science.




Il gruppo di lavoro ha somministrato antibiotici ai topi con tessuto intestinale danneggiato. Gli antibiotici sono comunemente somministrati alle persone durante l’infiammazione della malattia di Crohn per ridurre le complicanze che coinvolgono l’infezione. Tuttavia, tali farmaci possono disturbare la normale composizione del microbioma.

Dopo l’uso di antibiotici, trovati funghi nelle lesioni da malattia di Crohn

I ricercatori hanno scoperto che gli antibiotici compromettevano la guarigione delle ferite nell’intestino. Circa una settimana dopo i trattamenti antibiotici, sono stati trovati funghi che vivevano nelle ferite intestinali. Quando i topi hanno ricevuto un farmaco anti-fungino, le ferite hanno iniziato a guarire.

L’analisi genetica ha mostrato che un fungo, appartenente quindi ai miceti, chiamato Debaryomyces hansenii, dominava nelle ferite dei topi sottoposti ad antibiotici. Le aree di tessuto sano vicine alle lesioni, non presentavano il patogeno. Inoltre, non è stato trovato nelle ferite curative dei topi a cui non sono stati somministrati antibiotici.

Per vedere se il fungo ha compromesso la guarigione, i ricercatori lo hanno nutrito in altri topi con ferite intestinali, senza una precedente somministrazione di antibiotici. Il fungo poteva essere trovato nelle ferite e la guarigione delle ferite era compromessa.

Altre prove a conferma della tesi

Ulteriori lavori hanno rivelato che Dhansenii causò al sistema immunitario l’aumento della produzione di una molecola di segnalazione, chiamata CCL5. Quando somministrato a topi privi di CCL5, il fungo non ha compromesso la guarigione delle ferite. Bloccare il CCL5 con farmaci nei topi normali ha avuto lo stesso effetto benefico.

Infine, il gruppo di lavoro ha cercato Dhansenii in campioni di tessuto prelevati da sette persone con malattia di Crohn e 10 senza la condizione. Ha trovato il lievito in tutte le persone con la malattia di Crohn. Sostanzialmente più funghi vivevano all’interno di tessuti danneggiati dell’intestino che in regioni non danneggiate.

Al contrario, DHansenii è stato trovato solo in una delle persone senza la condizione. Questo arricchimento di D. hansenii ha trovato osservazione anche in ulteriori gruppi di persone con malattia di Crohn.

D. hansenii non è un componente comune del microbioma intestinale umano sano. Può vivere in ambienti estremi ed è anche utilizzato nell’industria alimentare. Tuttavia, non è noto come la sua presenza nella dieta possa influenzare le persone con la malattia di Crohn.

Conclusioni

Il significato del nostro studio è che vi è un chiaro legame tra un fungo intestinale specifico e una risposta di guarigione delle ferite. Prendere di mira questa infezione da fungo può essere un approccio praticabile per trattare la malattia o sviluppare strategie di prevenzione basate sulla dieta.

Agostino Fernicola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *