Maltrattamenti in asilo a Napoli: sospese due maestre per 12 mesi

Ad incastrarle, le immagini delle telecamere di sorveglianza

Le indagini sono scattate dopo che alcuni bambini avevano manifestato disagio e cambiamenti di umore, ritenuti riconducibili a maltrattamenti subiti a scuola

0

Maltrattamenti in asilo a Napoli: insulti, spintoni e schiaffi. Sono queste le “modalità educative” contestate alle 2 maestre di una scuola dell’infanzia di Sant’Antimo, sospese dal loro incarico per 12 mesi. Le 2 educatrici, 62 e 63 anni, sono accusate di aver maltrattato, con schiaffi, insulti e tirate di capelli, i piccoli a loro affidati.

La denuncia dei genitori

A far scattare le indagini, la denuncia, lo scorso novembre, di alcuni genitori, preoccupati dal malcontento e dai repentini cambi d’umore dei loro bambini. Gli uomini dell’Arma hanno, quindi, posto delle telecamere di sorveglianza nella scuola, per controllare gli eventuali comportamenti anomali delle insegnanti.

Quello che le immagini registrate hanno restituito è stato un quadro piuttosto allarmante: in varie occasioni, le due maestre sono state riprese mentre insultavano i bambini, strattonandoli e prendendoli a schiaffi, o, peggio ancora, tirandogli i capelli.

Fondamentali, ai fini delle indagini, anche i disegni dei bambini, affidati a personale competente. Gli investigatori hanno, infatti, acquisito, oltre alle immagini delle telecamere di sorveglianza e alle registrazioni ambientali, anche le illustrazioni fatte dai piccoli, disponendo l’audizione di specialisti e persone informate sui fatti, che hanno consentito di mettere in luce diversi episodi di maltrattamenti ai danni dei piccoli alunni della scuola.

L’indagine, condotta dai carabinieri della Compagnia di Giugliano in Campania e coordinata dalla Procura di Napoli nord, ha portato all’esecuzione di un’ordinanza, emessa dal Gip presso il Tribunale di Napoli Nord, di sospensione temporanea (12 mesi) dall’esercizio pubblico di insegnamento e di cura dei minori nei confronti delle 2 educatrici, residenti rispettivamente nei comuni di  Giugliano in Campania e Sant’Antimo. Le 2 sono accusate di maltrattamenti nei confronti dei minori a loro affidati nella scuola dove entrambe lavoravano.

Quello di Sant’Antimo è solo l’ultimo di un’infinita lista di episodi simili, che riguardano l’Italia intera: il mese scorso furono arrestate 3 maestre a Pomezia con l’accusa di violenze fisiche, morali e psicologiche.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi