Mantova insorge contro i nazifascisti e revoca la cittadinanza onoraria a Mussolini

Dopo novantaquattro anni, il Duce non è più cittadino onorario di Mantova

Fonte: corriere.it
0

Ieri sera, 12 febbraio 2018, il Consiglio Comunale di Mantova ha revocato la cittadinanza onoraria a Mussolini, conferitagli il 21 maggio 1924.

Mantova Mussolini
Mantova 28.07.1941 – Il Duce passa in rassegna la I Legione CC.NN. destinata sul fronte sovietico. Fonte: senato.archivioluce.it

La mozione, è stata approvata con diciassette “sì” e dieci “no”, dopo una discussione di tre ore e mezzo: era stata presentata da Pd, Sinistra italiana e lista civica Palazzi.





L’iniziativa di richiedere la revoca della cittadinanza onoraria di Mantova a Mussolini era stata presa da Fausto Banzi, capogruppo di Sinistra italiana e segretario provinciale, l’estate scorsa: il politico aveva inviato una lettera al sindaco Palazzi esponendogli la richiesta e coinvolto i capigruppo di maggioranza.

Banzi ad agosto aveva dichiarato alla Gazzetta di Mantova:

“La cittadinanza onoraria è un riconoscimento a personalità che meritano la gratitudine di un’intera comunità, Mussolini non ha alcun merito verso Mantova e l’Italia, né verso l’umanità. Per questo ho chiesto un atto politico di spessore, soprattutto in un momento in cui razzismo, xenofobia e apologia del ventennio sono presenti in modo preoccupante nella nostra società. Non dimentichiamo che da Mantova sono partiti un centinaio di ebrei per i campi di concentramento tedeschi e non hanno fatto più ritorno. Tra loro c’erano anche dei bambini.”.





Giovanni Pasetti
, capogruppo del Pd, ha aperto la discussione in Consiglio Comunale spiegando la mozione:

Mussolini non può stare nella lista dei cittadini onorari perché non ha fatto nulla per Mantova, ma è stato un dittatore e un liberticida.”.

L’opposizione ha accusato la maggioranza di voler “cancellare la storia: contrari Lega, lista civica Comunità e territori, Forza Italia, lista civica Bulbarelli, Cinque Stelle e CasaPound.

Il sindaco di Mantova, Mattia Palazzi, è intervenuto alla fine della discussione del consiglio Comunale affermando:

“Il voto, che altrove ha diviso le forze politiche, qui non determinerà gli amici e i nemici di Mussolini. Stiamo solo ragionando se la cittadinanza a Mussolini oggi rientri o meno nei valori che questo consiglio e questa città intendono celebrare”.





Dopo novantaquattro anni, il Duce quindi non è più cittadino onorario di Mantova: c’è voluto quasi un secolo perché la città di Mantova si decidesse a togliere il titolo onorifico a Mussolini.

Negli anni venti furono assegnate a Mussolini diverse cittadinanze onorarie in molti comuni italiani e negli ultimi tempi si è finalmente aperto il dibattito sulla possibilità di cancellare quella decisione.

Torino, Pisa, Crema e ora Mantova hanno già tolto la cittadinanza al duce, dando un chiaro segnale di rifiuto al tentato ritorno del fascismo cui stiamo assistendo e sottolineando l’importanza di ridefinire i valori della nostra società.

 

Fadua Al Fagoush

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi