Marina Addati, assolta la mamma accusata di avvelenare le figlie: la colpa è di un gene

0

Assolta la mamma accusata di aver avvelenato le due figlie. Marina Addati non avrebbe mai provato ad uccidere le bambine. La scoperta choc di un medico genetista ha ribaltato le accuse.

Non è una mamma killer: Marina Addati non ha mai somministrato del veleno alle sue bambine. Dopo 2 anni di carcere arriva la decisione del Tribunale.

La ricostruzione della vicenda

Era il novembre 2015, quando Marina Addati, 33enne napoletana, portò la sua bambina di 3 mesi all’ospedale Santobono del capoluogo partenopeo.  La piccola Vittoria stava male ed i medici, adducendo quei sintomi all’epilessia, le somministrarono dei farmaci, ma le condizioni della bambina non migliorarono.

A distanza di un mese da quel primo ricovero, i sanitari trovarono ancora tracce del medicinale nel corpo della piccola. Fu così che il personale dell’ospedale si insospettì e, pensando che la mamma stesse avvelenando la bambina, inviò una segnalazione al Tribunale dei Minori.

Nel 2016 toccò all’altra bambina di Marina. La donna portò anche lei in ospedale ed è a questo punto che i sospetti dei medici s’infittirono. Le analisi del sangue sulla sua secondogenita rilevarono, infatti, la presenza di benzodiazepine nel corpo della piccola.




La denuncia al Tribunale

I medici del Santobono decisero, quindi, di far partire una denuncia formale al Tibunale dei Minori, insospettiti da quel secondo ricovero e dai risultati delle analisi. È così che Marina Addati finisce in carcere, accusata di tentato omicidio nei confronti delle figlie. Le bambine finiscono in una casa-famiglia e alla mamma viene tolta la potestà genitoriale.

Dopo 2 anni di carcere arriva l’assoluzione. Secondo un genetista nominato dal legale della donna, le bambine potrebbero avere una mutazione genetica che non permetterebbe loro di smaltire ed espellere i farmaci. In una situazione del genere, la permanenza dei principi attivi dei medicinali causerebbe quindi l’avvelenamento.

Una prima assoluzione arriva nel luglio di quest’anno dal Tribunale di Roma. La seconda assoluzione dal Tribunale di Napoli è arrivata a Novembre.

Mena Indaco

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi