Il massacro di Potocani: anatomia di una brutalità del Neolitico

Lo studio sul massacro di Potocani é stato pubblicato su PLOS ONE.

Un delitto del passato

Il massacro di Potocani è la scoperta più recente di un gruppo di ricerca  che include due docenti dell’Università del Wyoming. Rivela il più antico sito documentato di un omicidio di massa indiscriminato. La brutalità avvenne 6.200 anni fa in quella che oggi è Potocani, in Croazia. Precedentemente, in altri antichi siti di massacri, i ricercatori hanno trovato uomini che morirono durante una battaglia o in esecuzioni familiari mirate. In altri siti, le prove delineano l’uccisione di membri di una comunità di migranti in conflitto con i locali e persino omicidi di coloro che facevano parte di rituali religiosi. Ma a Potocani il motivo del massacro era differente, anomalo.




Scena del crimine nel neolitico

“Il DNA, combinato con le prove archeologiche e scheletriche – in particolare quello che indica la violenza sistematica – mostra un massacro indiscriminato. Inoltre, vediamo la sepoltura casuale di 41 individui di una antica comunità pastorale in quella che ora è la Croazia orientale”, dice James Ahern, co-autore. Il team è guidato daMario Novak e completato da Ivor Jankovic. Altri ricercatori  hanno contribuito al documento.  Nel 2007, il sito croato è stato sottoposto a uno scavo di “emergenza”. La fretta si deve al fatto che la sepoltura venne alla luce durante la costruzione di un garage su un terreno privato, dice Ahern. Gli archeologi, guidati da Jacqueline Balen,  lavorano nelle vicinanze su una valutazione dell’impatto dell’autostrada sulle risorse culturali. Lasciarono tutto per indagare.

Arriva la scientifica

Massacro di Potocani: 1
Massacro di Potocani: Gli strati superiori della sepoltura di massa di Potočani mostrano numerosi scheletri mescolati. (credits: Jacqueline Balen, Archaeological Museum of Zagreb)

Nel 2012, Ahern e Jankovic vengono invitati dagli archeologi incaricati delle scoperte di Potocani. Il loro compito era analizzare i resti scheletrici. Questi dovevano essere puliti e inventariati. Seguiva quindi l’analisi di base, come la stima dell’età e del sesso, la registrazione degli elementi conservati e la documentazione di base di patologie e traumi. “Questo è il più antico caso noto di uccisioni di massa indiscriminate di cui siamo a conoscenza”, dice Ahern. “In un certo senso, va contro la conoscenza  convenzionale sui primi agricoltori. Siamo soliti pensare che durante il Neolitico e l’Eneolitico gli uomini vivessero in piccoli villaggi o gruppi di pastori. “Le prove del DNA indicano solo pochi parenti stretti in un campione così ampio. Ciò significa che non solo la violenza fu indiscriminata, ma coinvolse anche un sottogruppo della popolazione locale molto più ampia”.

Primo nel suo genere

Ricerche precedenti mostrano che alcuni primi agricoltori vivevano in grandi insediamenti, come a Catalhoyuk nell’Asia occidentale. Altri popoli successivi dell’Eneolitico facevano altrettanto, come quelli del sito di Vucedol nei Balcani. Tuttavia, Potocani ha circa 1.000 anni più di quest’ultimo insediamento. L’analisi genetica ha rivelato che il 70% degli scheletri analizzati non aveva parenti stretti tra i defunti. Inoltre, non c’erano pregiudizi sessuali, poiché il numero di maschi e femmine trovati nel sito era quasi uguale in numero. Ciò indica che il massacro non è stato il risultato di combattimenti tra uomini che ci si aspetterebbe nelle battaglie. E neanche è il risultato di un evento di rappresaglia contro individui di un sesso specifico.

Mirare alla testa

Massacro di Potocani:2
Massacro di Potocani: Questa foto mostra lesioni penetranti perimortem sul lato destro del cranio di una giovane donna adulta nel luogo di sepoltura di massa a Potocani, in Croazia. (credits: Mario Novak, Institute for Anthropological Research)

Secondo lo studio, sono state trovate lesioni craniche in 13 dei 41 individui massacrati nel sito. “La loro morte è stata quasi certamente violenta”, dice Ahern. “Molteplici datazioni al radiocarbonio, così come la sedimentologia della sepoltura, indicano tutte un singolo evento di sepoltura. Inoltre, la maggior parte delle morti violente non lascia prove evidenti di traumi nei resti scheletrici conservati”, continua. “Gli individui potrebbero essere stati strangolati, bastonati, tagliati o pugnalati in aree dei tessuti molli o in modi che non hanno danneggiato le ossa sottostanti”. Lo studio ha anche considerato il ruolo potenziale del cambiamento climatico nell’evento di sepoltura di massa. Quando il clima cambia, risorse come l’acqua, la vegetazione e la selvaggina diventano meno prevedibili.




Ricerca di un movente

“Questi fattori tendono a sconvolgere la vita umana e talvolta i gruppi cercano di impossessarsi dei territori e delle risorse degli altri”, spiega Ahern. “L’aumento delle dimensioni della popolazione fa sì che i gruppi estendano eccessivamente le proprie risorse locali. Ciò richiede l’espansione in altre aree. Sia il cambiamento climatico che l’aumento demografico tendono a causare sconvolgimenti sociali e atti violenti, come quello che è successo a Potocani. Questi atti diventano più comuni quando i gruppi entrano in conflitto contemporaneamente.”

I dati sul massacro di Potocani rivelano come la violenza organizzata in questo periodo possa essere indiscriminata. Allo stesso modo, le uccisioni indiscriminate sono state una caratteristica importante della vita nei tempi umani. “Capire la storia, lo sviluppo e le cause della violenza umana sono fondamentali per la nostra capacità di comprendere e ridurre la violenza nella nostra società” dice Ahern.

Storia e Narrativa

“Forse, a causa della lunga storia della violenza e della guerra umana e della sua rilevanza contemporanea, il pubblico è coinvolto da quel tipo di narrativa sul profondo passato umano che siamo stati in grado di ricreare attraverso la nostra ricerca scientifica”, dice Ahern. “Inoltre, il DNA, l’ereditarietà e l’ascendenza umana sono questioni che toccano la vita di tutti. La nostra ricerca evidenzia anche l’impegno globale e l’impresa di ricerca della nostra Università”.



Daniele Tolu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *