Matariki – Celebrare il nuovo anno Māori

Quando il gruppo di stelle Pleiadi, noto come Matariki, appare nel cielo neozelandese, segnala l'inizio di un nuovo anno.

0

Matariki (‘Gli occhi di Dio’).  Il nuovo anno Māori di solito inizia a giugno, quando il gruppo di stelle delle Pleiadi appare nel cielo. Conosciuto nella lingua indigena della Nuova Zelanda come Matariki (‘Gli occhi di Dio’). Questo spettacolare evento naturale è caratterizzato da un festival annuale in cui le persone mostrano rispetto per la terra e i loro antenati. Tessuta in questa tradizione è la stessa storia di creazione Māori, che descrive una storia di tradimento e familiare su scala celeste.

Anche i Māori hanno il loro nuovo anno, appunto che è segnato dall’ascesa di Matariki ma anche dall’avvistamento della prossima luna nuova. Come il capodanno cinese (e il festival cristiano di Pasqua), il suo calendario esatto varia di anno in anno, ma di solito si verifica durante la metà dell’inverno. Matariki inizia a sorgere negli ultimi giorni di maggio, e questo simboleggia la venuta del nuovo anno Māori . Alcuni Iwi, o tribù, iniziano le celebrazioni quando Matariki viene visto per la prima volta, tuttavia è la prima luna nuova dopo Matariki che segnala ufficialmente il Nuovo Anno Māori . Alcune persone celebrano il nuovo anno nel giorno in cui la luna nuova sorge e altre celebrano il giorno dopo la luna nuova.

Per il popolo Māori della Nuova Zelanda, l’emergere di Matariki segna il superamento di un anno e l’inizio di un altro. È un momento per ricordare i propri cari perduti e celebrare nuovi inizi, oltre ad essere un periodo di riflessione e rigenerazione. Tradizionalmente, Matariki veniva usato per determinare il raccolto della stagione in arrivo. Una stagione più calda, e quindi una produzione più produttiva, era indicata dalla luminosità delle stelle.

L’antica saggezza Matariki

Secondo la leggenda Māori più comune, quando il padre cielo Ranginui e la madre terra Papatūānuku furono separati dai loro figli, il dio del vento, Tāwhirimātea  divenne così furioso che strappò i suoi occhi e li scagliò contro il cielo. Per creare Matariki. Alcune persone pensano a Matariki come a una madre-stella con sei figlie, ed è spesso indicata come le Sette Sorelle.





Tradizionalmente, Māori segna l’apparizione delle stelle – e l’inizio del loro calendario lunare – ricordando coloro che sono morti. Era un momento per ricordare i morti, celebrare una nuova vita e piantare nuove colture.  Nel XXI secolo, l’osservazione di Matariki è diventata di nuovo popolare come celebrazione interculturale. Aquiloni, kai, palloncini e fuochi d’artificio aiutano a sottolineare l’occasione. Iwi attraverso Aotearoa celebra Matariki in momenti diversi a seconda di quando il suo ritorno è osservato nella loro rohe (area).

Per alcuni anni il nuovo anno a metà inverno fu segnalato dall’alba di Matariki (le Pleiadi), mentre per altri fu la nascita di Puanga (Rigel in Orion). Entrambi possono essere visti prima dell’alba nel nord-est del cielo, appena sopra l’orizzonte da metà giugno a inizio luglio.

Esperti spirituali, noti come Tohunga, interpretavano le stelle per prevedere il tempo: le stelle chiare e luminose significavano una stagione calda e abbondante. Nella moderna Nuova Zelanda, Matariki è visto come un momento per fare il punto e affrontare il prossimo anno con rinnovato vigore. In questo  2018, il Nuovo Anno Māori è  celebrato per tutto luglio.

Quali sono i nomi delle stelle Matariki?

In realtà le stelle che formano il gruppo dei Pleiadi sono migliaia, ma tecnicamente nove sono quelle che compongono la costellazione,  e solo sette stelle che distinguono ad occhio nudo. Queste sono quelle che tradizionalmente sono conosciute come le sette sorelle, o Matariki. I nomi delle stelle Matariki sono:

Alcyone –  Matariki , occhi di Tāwhirimātea.
Atlas –  Esperto pre-cielo , cielo.
Electra –  Waipuna-a-rangi , cielo primavera.
Taygeta –  Waitī , buona conoscenza.
Pleione –  Grow ottobre , Terra professionale.
Merope –  Ururangi , ingresso al cieli.
Maia – Waitā , cospargere di acqua.

Scoprire  Matariki attraverso un anziano

Nella lussureggiante regione di Hawke’s Bay nell’Isola del Nord, l’anziano Robert MacDonald di Ngāti Kurukuru gestisce i Waimarama Māori Tours. Le cui escursioni offrono una visione eccellente della cultura e della storia di Māori. Particolarmente rilevante attorno a Matariki è il tour della Ātea a Rangi Star Compass. Un cerchio di 32 pou (poli) intagliati che segnano i punti della bussola che i navigatori Māori usavano per tracciare la posizione del sole, della luna e delle stelle.





MacDonald spiega che i Māori che arrivarono sulle rive di Aotearoa erano esperti navigatori, in viaggio da tutto il Pacifico che utilizzavano la loro bussola di whetū (stelle). Questa bussola celeste è conosciuta come Kāpehu Whetū e con essa i viaggiatori potevano trovare la loro strada praticamente ovunque.

Le tante celebrazioni di Matariki

Come parte di un rinnovato interesse per Matariki, il capodanno di Maori è ora celebrato ovunque, dagli asili del paese agli uffici delle grandi società. Auckland, la più grande città della Nuova Zelanda, ha più di 100 eventi fino al 22 luglio, tra cui un alba karakia (commemorazione), mostre e spettacoli. La capitale, Wellington, celebra con un spettacolare spettacolo di luci sul lungomare il 6 luglio. Iolttre, più a sud verso Dunedin, dal 6 al 22 luglio, la comunità di Otago si riunisce per eventi che coinvolgono scienza, narrativa, film, aquiloni e cultura spettacoli.

Matariki-il-nuovo-anno-Māori
Aotea / Great Barrier Island (Nuova Zelanda)
Illumina la notte

Al mondo ci sono solo 12 riserve dove poter ammirare il vero cielo stellato, una di loro è in Nuova Zelanda. La riserva è compresa tra l’Aoraki/Mt. Cook National Park e il Mackenzie Basin nell’isola meridionale della Nuova Zelanda. Inoltre Aotea/Great Barrier Island – circa 90 km a nord-est di Auckland nel golfo di Hauraki esterno – è solo uno dei quattro Santuari del cielo stellato nel mondo.

Con popolazioni modeste (e pochissimo inquinamento luminoso), i cieli sopra queste due aree sono illuminati da stelle e pianeti. Con la Via Lattea si crea una vera e propria autostrada illuminata, qui è dove meglio assistere all’arrivo di Matariki. Nel 2019, inizierà il 10 giugno.

 

Felicia Bruscino

 

 

 

 

 

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi