Migranti: ancora vittime

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

La speranza svanisce negli infiniti istanti di agonia prima di morire.

Ogni singola persona in quella nave è un essere umano che rischia la vita per tornare a vivere. Parlare di questi episodi ormai annoia, infastidisce. Si scorre indifferenti davanti alle fotografie di queste navi che affondano, di queste persone che cercano disperatamente aiuto, da chi, ormai, non lo sanno più nemmeno loro. E noi scorriamo indifferenti. La disumanità è anche questa. Noi non ci sentiamo minimamente toccati da tutto questo. E non è umanamente possibile trattare persone, forse più umane di noi, come pedine: spostandole da una parte all’altra a seconda delle comodità altrui. Sento ormai troppe persone indifferenti a tutto ciò, felici di sentire che questi migranti torneranno a casa loro, e mi accorgo che si è felici perché si ha paura, si ha paura di quello che non si conosce, ma non si fa niente per cercare di conoscere. Non perdiamo neanche un secondo a riflettere su di loro, su cosa provano, su cosa vivono, ad ascoltare le loro storie, sicuramente più vive e sofferenti delle nostre. Li vediamo come mostri, ma cosa hanno di mostruoso? Loro hanno un mostruoso coraggio! Noi no, noi puntiamo il dito contro di loro quando si parla di lavoro, senza pensare che non è opera loro, noi lo sappiamo, ma è molto più facile prendersela con loro. E qui siamo vigliacchi. 

Ho molto spesso invitato alla riflessione, ho messo a paragone noi con loro, perché la realtà è così, perché vite umane spezzate sono vite UMANE, e ci riguardano. Non è uno sporco straniero i merda a morire, è un uomo. Personalmente non mi stancherò mai di difendere e ammirare chi con una coperta sale su una nave e rischia la vita, e non mi stancherò mai di invitare alla riflessione. Noi non siamo superiori a nessuno, possiamo solo imparare da quelle facce piene di speranza e disperazione e possiamo diventare quel tronco in mezzo al mare su cui ci si può aggrappare. Ci stiamo davvero dimenticando l’importanza dell’essere. Siamo diventati senza sentimento, senza speranze e pieni di odio, ma contro le persone sbagliate!

Rinnovo il mio invito!

Stampa questo articolo