Dopo il rigore fischiato alla Juventus al 93° i tifosi rendono un inferno la vita della moglie dell’arbitro

Minacce di morte e irruzioni nell'abitazione della coppia

La polizia inglese apre un’inchiesta

moglie dell'arbitro
0

Champions League – quarti di finale – moglie dell’arbitro. Andiamo per ordine. La Juventus è indietro dei 3 goal della gara di andata contro il Real Madrid. Sembra un’impresa italiana impossibile da replicare all’indomani della storica meravigliosa prestazione dei giallorossi trionfanti contro il Barcellona. Ma i bianconeri di Allegri mettono su una partita perfetta al Bernabeu e imbucano la porta avversaria 3 volte, quanto basta per andare ai supplementari e provare a coronare il sogno della finale.




Fonte: gazzetta.it

Ma l’entusiasmo viene ben presto spezzato dal rumore del fischietto che resterà nella storia calcistica della Vecchia Signora. L’arbitro inglese Miachel Oliver fischia un rigore tanto incredibile quanto crudele che rovescia una partita inaspettata. Ronaldo non sbaglia, la Juve vince 3-1 ma è fuori dalla competizione. L’amarezza racchiusa nelle parole di Buffon che hanno fatto molto discutere.

Era un’azione dubbia, molto dubbia al 93’ e tu al 93’ non puoi avere il cinismo di distruggere una squadra che fino a quel momento in campo aveva messo tutta se stessa. Se lo fai, vuol dire che al posto del cuore hai un bidone dell’immondizia. Non so se lo ha fatto per un suo vezzo o per mancanza di personalità, ma un essere umano non può decretare l’uscita di una squadra”.

Dalle parole di Buffon… ai fatti dei tifosi

Ma il portiere bianconero non è l’unico ad aver male accettato la scelta dell’arbitro inglese. A pochi giorni di distanza dalla manifestazione, infatti, quando sembra che il sipario si sia chiuso, ecco la vendetta dei tifosi. E’ partito tutto dai social, dove in molti hanno riconosciuto il profilo della moglie dell’arbitro.
Fonte: twitter.com

Si chiama Lucy Oliver e tra l’altro esercita la stessa professione del marito nella categoria femminile della Women’s Super League . Sono partite immediatamente minacce (anche di morte) e insulti alla signora. Non solo. Intimidazioni e atti persecutori sono arrivati anche direttamente sul cellulare della vittima pubblicato sulla rete. La Polizia inglese ha aperto un’Inchiesta su questo e anche sugli episodi di tentata irruzione nell’abitazione della coppia. Ecco solo alcuni esempi delle parole dei tifosi rivolte alla donna, moglie del giovane 33enne.

 




 

Sessismo puro nei messaggi

“Picchia tuo marito, bastarda” e ancora “Quel grandissimo cretino di tuo marito! Digli di ritirarsi e di andare a zappare!”. “Sei una grande p…”. “Devi crepare tu e quel pezzo di m…a di tuo marito”. 

@LucyOliver_7 scrive: “hai sposato un vero bidone della spazzatura, e un cretino e spero che tutta l’Inghilterra realizzi che scemo e stato Michael Oliver. Forza Juve!! Forza Buffon!! L’arbitro e stato comprato”

“È chiaro che quello stronzo di tuo marito ha aiutato il Real, Vi auguro tutto il male possibile, che facciate una brutta fine, e di non venire mai a Torino!!”

Non vali niente sei una gran tr…. come tutte le donne”




Fonte: oncenoticias.cr
Una vera e propria odissea per la moglie dell’arbitro. Urla, offese e ancora minacce fuori la porta di casa della donna. E ancora, commenti indicibili anche sotto alcune foto che la signora aveva postato due anni fa sul social Twitter (sospeso dalla polizia) che la ritraevano in vacanza con il marito proprio a Madrid. Di contro alcuni hanno lanciato su Twitter una campagna in difesa dell’arbitro Oliver e della moglie dell’arbitro. Questi ritengono sacrosanta la decisione di fischiare quel rigore e insultano a loro volta i tifosi juventini.

 

 

                                                                                                                                                      Claudia Marciano

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi