Moda e pandemia: così è cambiato il mondo del fashion

0

La moda dopo la pandemia non sarà più la stessa e la domanda ormai è una sola: il futuro del fashion sarà online?

Il futuro della moda dopo la pandemia da Covid-19 è ancora incerto, così come è incerto il futuro del turismo, della ristorazione e del commercio in generale. Una volta usciti da lock down ci siamo trovati davanti a un mondo tutto nuovo, con nuove regole e nuove abitudini a cui abituarci.

Anche il fashion sta facendo i conti con questa nuova realtà e non solo per il nuovo mercato delle mascherine, di cui ormai esistono numerose versioni. Quale sarà dunque il futuro del lusso, del fast fashion e dell’haute couture?

Moda e Pandemia

la nuova moda dei grandi marchi ultima voce

Stando a quanto reso noto da Vogue Business l’industria della moda ha subito un danno a 10 zeri, si stima una perdita per il 2020 di circa 40 miliardi, dovuti sopratutto al ruolo esercitato dalla Cina e più in generale dall’Asia nella produzione e nelle vendite, come sottolineato dal Messaggero.

Sfilate in streaming, Fashion Week digitali e passerelle a porte chiuse, ne passerà di tempo prima di rivedere vip e influencer  sfoggiare i loro eclettici look nei front row.  Le Fashion Week sono tra gli eventi mondani più attesi e mettono in piedi una macchina economica senza pari.

costi della moda vanno infatti ben oltre la creazione dei capi, i designer fanno a gare per avere il defilè più spettacolare, il servizio fotografico più esotico e l’influencer del momento seduta in prima fila armata del suo smartphone.

Come sottolineato da Max Vadukul, importante fotografo di moda: “Negli ultimi 25 anni tutto è stato troppo.” In un’intervista per il Messagero il fotografo ha pronunciato grandi cambiamenti nel mondo del fashion: «Non si viaggerà più per andare a fare shooting dall’altra parte del mondo, non ci saranno più soldi, le modelle non voleranno più.”

Vento di cambiamento

Ma siamo davvero pronti a una rivoluzione di tale portata? Giorgio Armani è convinto che sia arrivato il momento di “Rallentale e riallinearsi”, dopotutto non va mai dimenticato che l’industria della moda è tra le più inquinanti al mondo.

E mentre la copertina di Vogue Italia di Aprile 2020 si è vestita di bianco il mondo del fashion ha cominciato a strizzare l’occhio al  web.

View this post on Instagram

The Vogue Italia April Issue will be out next Friday 10th. 🤍🤍🤍 “In its long history stretching back over a hundred years, Vogue has come through wars, crises, acts of terrorism. Its noblest tradition is never to look the other way. Just under two weeks ago, we were about to print an issue that we had been planning for some time, and which also involved L’Uomo Vogue in a twin project. But to speak of anything else – while people are dying, doctors and nurses are risking their lives and the world is changing forever – is not the DNA of Vogue Italia. Accordingly, we shelved our project and started from scratch. The decision to print a completely white cover for the first time in our history is not because there was any lack of images – quite the opposite. We chose it because white signifies many things at the same time. 🤍🤍🤍 White is first of all respect. White is rebirth, the light after darkness, the sum of all colours. White is the colour of the uniforms worn by those who put their own lives on the line to save ours. It represents space and time to think, as well as to stay silent. White is for those who are filling this empty time and space with ideas, thoughts, stories, lines of verse, music and care for others. White recalls when, after the crisis of 1929, this immaculate colour was adopted for clothes as an expression of purity in the present, and of hope in the future. Above all: white is not surrender, but a blank sheet waiting to be written, the title page of a new story that is about to begin.” #EmanueleFarneti @EFarneti #imagine #FarAwaySoClose #WhiteCanvas — Read the full Editor’s letter via link in bio. Full credits: Editor in chief @Efarneti Creative director @FerdinandoVerderi

A post shared by Vogue Italia (@vogueitalia) on

La Milano Fashion Week ha chiuso battenti a porte chiuse con i defilé in streaming, la FW di Shanghai di marzo si è svolta interamente su una passera virtuale e la startup Bsamply ha creato la prima piattaforma digitale che permette agli operatori della moda di riunirsi in vere e proprie fiere online.

Yves Saint Laurent segue Giorgio Armani nella sua “lotta” alla tendenza che negli ultimi anni guida l’industria della moda: creare continuamente nuovi trend che diventano, nel giro di mesi quando non settimane obsoleti.

Un ritorno all’autenticità che non potrà certamente che fare bene al clima, tuttavia, come sottolineato  da Camilla Mendini (stilista, influencer ed esperta di moda sostenibile, ndr) è difficile dire se, da parte di questi grandi marchi, ci sia una vera e propria presa di conoscenza o se sia più una risposta al calo del mercato.

Mentre timidamente alcune case di moda tornano a sfilare, altre decidono di prendersi i propri tempi, rifiutandosi di seguire il calendario dettato dalle FW. I prossimi mesi saranno quindi decisivi per capire quale sarà il futuro del’industria della moda, la speranza è quella di vedere sempre di brand e case di moda abbracciare la via della sostenibilità.

Emanuela Ceccarelli

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi