Morgan e Asia: l’amore è tutto qui?

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Ci risiamo. Ancora una volta Asia Argento e Marco Castoldi, in arte Morgan decidono di litigare a suon di comunicati stampa. Lei del suo avvocato, Samantha Luponio, lui scritti di suo pugno e inviati in esclusiva al Corriere della Sera. Strano modo di parlarsi specie quando di mezzo c’è una figlia.

Ma ricapitoliamo i fatti: secondo le accuse della Argento, Morgan non pagherebbe il mantenimento della figlia Anna Lou da almeno sei anni. In pratica il musicista monzese non ha provveduto a versare i 2000 euro indicati dal Tribunale dei minori come cifra congrua per le esigenze mensili della piccolina. Certo duemila euro sono tanti, per noi comuni mortali, ma senz’altro la cifra sarà stata stabilita in base ai redditi e al tenore di vita della coppia. Lui infatti, come dichiarato anche nel suo comunicato, non fece ricorso, non disse niente: “se è per il bene di mia figlia così sia”.

Amore come vetro…

In questi sei anni, dove pare che non sia stato versato niente, abbiamo visto la ex coppia incontrarsi varie volte in programmi televisivi dove, per lo più sfoderavano occhi lucidi e interviste del giorno dopo piene di pathos e (rim)pianti. Con grande gioia dei fan che potevano scrivere quanto fossero belli insieme e di questo amore così grande e bello e puro che poi, come il più banale di tutti, è finito nelle aule dei tribunali sempre e solo per un motivo: soldi.

Questo amore così grande dicevamo, che vede un dialogo mediatico a colpi di ‘spranga’ oserei dire. La Argento sempre in attacco, Castoldi in difesa seppur talvolta la differenza sia stata davvero impercettibile. Fino all’affondo finale: il Tribunale civile di Monza ha stabilito che la casa di Marco Castoldi verrà messa all’asta a gennaio per poter far fronte al debito accumulato verso l’attrice romana. Lei, tramite il suo avvocato, fa sapere di essere dispiaciuta per questo epilogo sebbene costretta ad andare fino in fondo a causa dell’inadempienza di lui. Lui risponde con una lettera aperta al Corriere della Sera.

La lettera

Una lettera commuovente, dove racconta la sua adolescenza e tutti i sacrifici fatti per superare un periodo difficile. Parla della sua musica, dell’attitudine artigiana di cercare conforto in una casa, un luogo sicuro: uno solo, specifica, nessuna casa al mare o chalet di montagna. Parla del suo rapporto disinteressato verso il denaro e fin qui viene un po’ da dargli ragione: ci si commuove difronte a quelle parole. Poi eccolo lì, il solito copione, la solita modalità: il voler a tutti i costi essere la vittima. Perché i commercialisti sono per lo più cattivi e imbroglioni, la Rai lo ha trattato male, da Canale 5 è dovuto scappare: un mondo davvero spietato.

Le tante opportunità

Morgan, però, pur essendo caduto molte volte, ha sempre saputo rialzarsi. Grazie anche alle molte opportunità che gli sono state date da persone influenti  (e non solo) come Maria De Filippi, Simona Ventura e molti alti. Opportunità che noi comuni mortali probabilmente non avremo mai nella vita. Perché qui, sul pianeta terra spesso si cade e si rimane asfaltati al suolo. Quindi se di primo acchito la Argento non è proprio portatrice sana di simpatia, dopo aver letto il comunicato di Morgan due domande ce le si fa. Davvero il cantautore non ha nulla da recriminarsi se non questa disarmante ingenuità? Perché se di ‘disinteresse’ verso i soldi si parla, l’interesse verso i figli non dovrebbe comunque prevalere?




L’eterno ripetersi

Ed ecco questa inclinazione che tende a ripetersi: la fuga dalle responsabilità. La responsabilità di essere un padre, in primis, ma anche personaggio pubblico che, volente o meno, è da esempio, poiché esposto. La Argento, che in un mese ha definito la stampa italiana nei modi peggiori (fate schifo, siete cani…) dimostra però di sapersi proprio destreggiare tra insulti e trasmissioni televisive. Lui quasi automaticamente calca la scena con lo stesso atteggiamento: vi disprezzo ma vi uso.

Bisognerebbe tacere per poter elevare la conversazione. Invece si finisce sempre per cadere nella trappola di chi disprezza compra. Caro Morgan, viene da dire, mi auguro con tutto il cuore che le cose si risolvano e che non ti venga sottratta la tua casa. E se posso darti un consiglio, dato che pare che si possa comunicare solo via stampa, sarebbe bene circondarsi di persone meno losche, meno fan, meno dipendenti: a volte l’amore vero è nelle parole di chi ti contraddice. O nel silenzio.

Marta Migliardi




Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.