Mortalità materna legata a gravidanza e parto, ci sono disparità etniche

Mortalità materna, i primi dati

Le disparità razziali ed etniche nella mortalità materna legate alla gravidanza o al parto negli USA possono essere maggiori di quanto riportato in precedenza. Così suggerisce uno studio finanziato dal National Institutes of Health. Riesaminando le informazioni sui certificati di morte del 2016 e del 2017, i ricercatori hanno scoperto che il tasso di mortalità materna tra le donne nere non ispaniche era 3,5 volte superiore a quello delle donne bianche non ispaniche. In precedenza, le analisi standard avevano indicato un tasso di mortalità 2,5 volte superiore per le donne di colore.

Mortalità materne diverse per cause diverse

La nuova analisi ha anche rivelato che queste disparità si concentravano tra alcune cause di morte. La cardiomiopatia postpartum e i disturbi della pressione sanguigna preeclampsia ed eclampsia erano le principali cause di morte materna per le donne nere, con tassi di mortalità cinque volte superiori a quelli delle donne bianche. Le donne nere avevano da due a tre volte più probabilità delle donne bianche di morire di emorragia o embolia.




Questi risultati evidenziano l’urgente necessità di affrontare le disparità razziali ed etniche nelle morti materne. Dati accurati sono essenziali per guidare gli sforzi per ridurre le morti materne. Molte di esse sono prevenibili, e per migliorare l’equità dell’assistenza sanitaria per le donne.

Studio sulle cause di morte

Le informazioni sulla causa della morte vengono tradotte in codici medici, che i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie compilano in set di dati nazionali. Nel 2003, gli stati americani hanno iniziato ad aggiungere una casella di controllo ai certificati per indicare se una donna era incinta o postpartum al momento del decesso. Tuttavia, studi di convalida hanno rivelato frequenti errori di caselle di controllo e hanno scoperto che le morti materne sono spesso codificate per cause mal definite.

Nell’attuale studio, i ricercatori hanno riesaminato i certificati di morte del 2016 e del 2017.  Hanno valutato attentamente il testo sui certificati di morte che descrive in dettaglio i fattori che hanno portato alla morte. Ciò ha permesso ai ricercatori di identificare le morti che potrebbero essere chiaramente confermate come quelle materne. Nella maggior parte dei casi, sono stati anche in grado di determinare la causa primaria del decesso, riducendo la percentuale di decessi attribuiti a cause poco definite dal 43% nei set di dati standard al 2,5% tra i loro set di decessi materni confermati.

I risultati dello studio

Nella loro analisi, embolia e preeclampsia /eclampsia erano la principale causa generale di morte materna in tutti i gruppi razziali ed etnici durante la gravidanza o entro sei settimane dalla gravidanza. Questi sono stati seguiti da cardiomiopatia postpartum, emorragia e complicazioni da interventi ostetrici come sezioni cesaree. Le classifiche erano simili tra le donne bianche e ispaniche.

Per le donne di colore, la preeclampsia/eclampsia è stata la principale causa di morte materna, seguita da cardiomiopatia postpartum, embolia ed emorragia. La gravidanza ectopica è stata la quinta causa principale di morte materna per le donne nere.

Le morti materne tardive  tra le sei settimane e un anno dopo il parto  erano 3,5 volte più probabili tra le donne nere che tra le donne bianche. La cardiomiopatia postpartum è stata la principale causa generale di morti materne tardive con le donne nere che hanno un rischio sei volte superiore rispetto alle donne bianche.

In conclusione, lo studio evidenzia l’importanza di una maggiore vigilanza per migliorare la diagnosi precoce e il trattamento di queste complicazioni.

Agostino Fernicola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *