Musei Vaticani: conservazione preventiva e numero limitato di visitatori

Come tutelare il patrimonio artistico e architettonico?

Attraverso nuove strategie, come la riduzione del numero di turisti.

0

musei-vaticaniMusei Vaticani: uno dei luoghi più ricchi di beni artistici e culturali che esistano al mondo. Per questo visitato ogni anno da milioni di persone: nel 2016 furono 6 milioni, nel 2017 sono state registrate oltre 27.000 presenze giornaliere, cifra che è salita a 30.000 nel 2018.

Il periodo più critico e sovraffollato? Quello che va da marzo ad ottobre e che corrisponde (all’incirca) alla primavera-estate, le stagioni più calde. Proprio durante questo periodo si sono verificati episodi davvero spiacevoli per i turisti: file interminabili, ore e ore di attesa, temperature ‘infernali’ che hanno raggiunto anche i 40 °C. Ci sono stati diversi svenimenti (fino a 10 al giorno), attacchi di panico, persone calpestate e ferite nella calca creatasi per poter ammirare sculture, quadri e affreschi, in primis quelli che adornano la Cappella Sistina, vera ‘star’ dei Musei Vaticani.

Ora sembra che si stia tornando ad una situazione di relativa ‘tranquillità’, complice anche il fatto che l’alta stagione è ormai terminata, ma quanto accaduto ha spinto i dirigenti dei Musei ad una seria riflessione che potrebbe cambiare la gestione dei tour guidati e il numero di visitatori ammessi.




Difatti, il 12 ottobre 2018 si è tenuta una giornata di studio dal titolo “La conservazione preventiva nei grandi musei. Strategie a confronto”. Tale giornata è stata un’occasione d’incontro e confronto tra i maggiori esperti a livello mondiale in materia di gestione del turismo di massa e di tutela del patrimonio artistico. Tra i partecipanti vi erano: Barbara Jatta, direttore dei Musei Vaticani; Salvatore Settis, studioso; Vittoria Cimino, Coordinatore dell’iniziativa e Responsabile dell’Ufficio del Conservatore; Jean-Luc Martinez del Musée du Louvre; Laurent Salomé del Musée National des Château de Versailles et de Trianon; Mikhail B. Piotrovskiy dello State Hermitage Museum di San Pietroburgo; Gabriele Finaldi della National Gallery di Londra; Christian Greco del Museo Egizio di Torino; Timothy Potts del J. Paul Getty Museum di Los Angeles; Miguel Falomir Faus del Museo Nacional del Prado.

musei-vaticaniI beni artistici conservati nelle 54 gallerie dei Musei Vaticani hanno un valore inestimabile, dunque la loro tutela e la loro preservazione hanno la precedenza su qualunque cosa, in modo che anche le generazioni future (ossia, i visitatori del futuro) potranno goderne. Ma anche la salvaguardia dei turisti è importante, perciò, per limitare il sovraffollamento degli ambienti, si starebbe pensando ad un tetto massimo di visitatori giornalieri. Così facendo, si eviterebbero lunghe file di attesa, malori tra le persone, maggior controllo e più sicurezza sia per i turisti che per le opere d’arte. Inoltre, la minore presenza di persone, in ambienti antichi e per certi versi ‘fragili’, aiuterebbe a mantenere un equilibrio fondamentale per il microclima interno degli ambienti stessi. Ogni persona porta con sé polvere, germi, batteri e il proprio respiro, tutto ciò potrebbe contaminare e compromettere sculture, dipinti e affreschi. Certamente tutte le opere d’arte devono essere sottoposte ad una costante manutenzione e pulizia, ma la conservazione preventiva consiste anche nel limitare il numero di individui attorno ai beni artistici; proprio per non intaccare la loro ‘buona salute’.




Altro fattore da tenere in conto è la sicurezza, in senso lato, ossia: immaginate una folla di diverse centinaia di persone ammassata in un luogo stretto e chiuso, se dovesse verificarsi un’emergenza (incendio, terremoto, attacco terroristico ecc.), come sarebbe possibile effettuare l’evacuazione di uno spazio congestionato? Ecco perché è importante ridurre il numero dei visitatori ed ecco perché sono state implementate anche le unità degli addetti alla sicurezza. Inoltre, si sta pensando a nuove uscite di sicurezza, in modo da facilitare le operazioni di ingresso ed uscita dei visitatori e delle guide (circa 3.000 lavorano quotidianamente in Vaticano).

Ma la questione della sicurezza nei Musei Vaticani era stata sollevata già in passato, purtroppo le cariche governative dello Stato della Chiesa non avevano voluto ascoltare tali lamentele e chi aveva intenzione di sporre denuncia è stato dissuaso dal farlo, in quanto il Vaticano ha le proprie leggi ed è esso a decidere cosa e come fare.

Data l’emergenza dei mesi scorsi, neanche lo Stato pontificio può rimanere indifferente di fronte ad una situazione alquanto critica, perciò dal prossimo anno saranno stabilite nuove normative per regolare gli ingressi e per preservare al meglio i preziosi tesori custoditi tra quelle antiche mura.

Carmen Morello

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi