Napoli, studentessa si suicida il giorno della laurea lanciandosi dal tetto

Il motivo risiede forse nel non aver sostenuto tutti gli esami necessari

Fonte: vivicentro.it
0

Il gesto estremo

Si chiamava Giada Di Filippo e aveva 26 anni. Era una studentessa dell’università di Napoli “Federico II” ma era originaria di Sesto Campano in provincia di Isernia. Era iscritta alla facoltà di scienze naturali e oggi avrebbe dovuto laurearsi. All’ateneo erano presenti alcuni dei suoi familiari per assistere alla discussione della tesi di laurea. Pensavano che sarebbe stato un giorno di festa: corona d’alloro, spumante e finalmente il futuro davanti agli occhi. Tuttavia Giada nascondeva dentro di sé l’angoscia di un segreto: non era in regola con gli esami. O almeno si suppone che sia stato questo il motivo per cui la giovane ragazza ha deciso di compiere l’atto estremo di togliersi la vita. Giada ha deciso di non pensare più al suo futuro: è salita sul tetto dell’edificio di Geologia e si è lanciata nel vuoto. Senza alcun preavviso, si è allontanata dai familiari ed ha posto fine alla sua vita.




Inutili i soccorsi per la studentessa

Lo sconcerto è stato generale. Sul posto sono arrivate la polizia e un’ambulanza del 118. Ma i soccorsi sono stati inutili: la ragazza è morta sul colpo. Tutte le attività dell’Ateneo sono state sospese. Le lezioni, le elezioni studentesche e un incontro con i calciatori del Napoli previsti in questi giorni sono stati rimandati. Per domani è stata proclamata dall’Università una giornata di lutto. Il corpo della ragazza è stato trasferito all’Istituto di Medicina Legale di Napoli per l’autopsia.

Aveva scritto al fidanzato “Non ce la faccio più

Come si legge su Blasting News, Giada aveva mandato un messaggio al suo fidanzato in cui ha scritto: “Non ce la faccio più“. Una frase forte, ma allo stesso tempo giustificabile dall’ansia di un momento così solenne come quello della laurea. Nessuno avrebbe mai potuto immaginare che nella mente della ragazza ci fosse un simile pensiero.

Era una ragazza solare e sorridente

Tra l’altro, si legge sul Messaggero, il sindaco di Sesto Campano, Luigi Paolone l’ha definita “una ragazza solare, sempre sorridente, dolce e bellissima. Speciale anche la sua famiglia, il padre, la madre e il fratello. La notizia ha sconvolto tutti poiché un gesto del genere da lei, proprio per il suo carattere, nessuno lo avrebbe mai immaginato”.

Ha precisato poi che il motivo che l’avrebbe spinta a togliersi la vita, ossia il non aver sostenuto alcuni esami, è un’ipotesi veicolata da fonti non ufficiali. “Circola sui giornali, circola in paese. Ma non posso dire che sia vero”, ha detto il sindaco.




Quando l’università uccide

Tragedie come questa non sono nuove alle cronache. Nel 2017 un ventiduenne di Rovigo si suicidò gettandosi sotto ad un treno il giorno della sua laurea. Anche in questo caso, egli non aveva detto la verità sugli esami sostenuti.

Nello stesso anno un ragazzo di 27 anni si suicidò con un colpo di pistola nella sua stanza a Chieti il giorno prima della discussione. Ma in quella data non era prevista nessuna seduta di laurea e il ragazzo si era solo finto uno studente in legge.

Nel 2016 uno studente genovese di 26 anni lasciò un biglietto ai suoi cari in cui scrisse “Scusate se vi ho deluso”. Poi si sparò. Diceva di essere in tesi, ma non sosteneva esami da due anni.

Sempre due anni fa un giovane di 26 anni si sparò davanti alla facoltà di ingegneria dell’università di Roma Tre perché non riusciva a farsi andare giù gli esami non passati.

Un gesto che nasconde un forte disagio interiore

Purtroppo andando a ritroso nel tempo i casi non finiscono qui. Non siamo di fronte al gesto disperato di pochi, ma ad un vero e proprio fenomeno sociale. Per questo forse sarebbe il caso di studiarlo nello specifico, per coglierne eventuali caratteristiche comuni e trovare possibili soluzioni. Troppi giovani perdono la speranza e rinunciano alla felicità. Alla base di decisioni così drastiche c’è un disagio interiore profondo che non può rimanere inascoltato.

Rossella Micaletto

 

 

 

 

 

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi